Cronaca

Dragaggio porto di Torre a Mare, Decaro: "Sabbia per nuove spiagge di San Girolamo"

La possibilità è stata annunciata dal sindaco nel corso del Question Time in Comune. L'utilizzo del materiale, ripulito, permetterebbe un doppio risparmio in termini di costi e organizzazione

Utilizzare la sabbia ripulita proveniente dal dragaggio del porto di Torre a Mare per effettuare il ripascimento delle spiagge di San Girolamo, nell'ambito dei lavori per la realizzazione del nuovo waterfront. La possibilità è stata annunciata, ieri pomeriggio, dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, nel corso del Question Time in Consiglio comunale. Lo spunto per discuterne è stato fornito dal consigliere comunale del M5, Colella, il quale, ha chiesto al primo cittadino di spiegare il perchè dei ritardi per i lavori nel porticciolo di Torre a Mare, aggiudicati a febbraio 2014 e mai cominciati. Decaro ha illustrato le motivazioni: "Non è più disponibile, al momento, la cava dove andare a depositare la sabbia prelevata dal fondo".

L'unica possibilità sarebbe stato portarla in una discarica, al costo di smaltimento di circa 4 milioni di euro complessivi. Una cifra che avrebbe fatto lievitare notevolmente i costi. Di qui, l'idea, supportata da positive verifiche di compatibilità, di utilizzare il materiale per riempire le spiagge di San Girolamo, risolvendo, in pratica, due problemi con una mossa: "Stiamo sì facendo una brutta figura - ha affermato il primo cittadino durante il Consiglio - ma stiamo evitando di spendere soldi inutili. E' un esempio di una gestione oculata del buon padre di famiglia". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dragaggio porto di Torre a Mare, Decaro: "Sabbia per nuove spiagge di San Girolamo"

BariToday è in caricamento