'Grandi pulizie' nel porticciolo di Torre a Mare: Amiu al lavoro, rimosse 180 tonnellate di posidonia

Le operazioni si sono svolte in mattinata. L'intervento consentirà di migliorare la fruibilità del tratto di mare: "Eliminati i cumuli dell'autunno e dell'inverno"

Una squadra dell'Amiu, questa mattina, ha rimosso 180 tonnellate di posidonia dal porticciolo di Torre a Mare. Le operazioni consentiranno una migliore fruizione dell'area marina, dopo l'accumulo naturale, in autunno e inverno, dei cumuli di vegetazione: "La posidonia in mare - spiega il Comune - svolge una funzione chiave nell’ecosistema, ma anche le foglie spiaggiate hanno una importante funzione ecologica per l’ambiente litoraneo, perché offrono a numerosi organismi marini protezione e riparo dai predatori, rappresentano fonte di alimentazione, sono in grado di produrre enormi quantità di ossigeno e di biomassa vegetale e costituiscono una barriera vegetale in grado di contrastare il fenomeno di erosione delle coste". La presenza di praterie di posidonia in buono stato di salute, aggiungono, "è indice di qualità delle acque in quanto questa è particolarmente sensibile a tutti i fattori che inducono inquinamento, comprese le attività dell’uomo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento