Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Premio “Il miglior chef” della prestigiosa guida 2014 di identità golose

“L’assegnazione del Premio della Guida di Identità Golose – dichiara emozionato Fabio Pisani – è per noi un importante riconoscimento che ci dà la grinta per continuare sulla strada che abbiamo intrapreso”.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Il "Miglior Chef" è pugliese, di Molfetta: Fabio Pisani

Novembre 2013 - Alessandro Negrini e Fabio Pisani, i due giovani chef de Il Luogo di Aimo e Nadia, hanno ricevuto il Premio "il Miglior Chef" della prestigiosa Guida ai ristoranti d'Italia, Europa e Mondo 2014 di Identità Golose.

Questa la motivazione: "Ne hanno fatta di strada questi due cuochi nati ai confini opposti d'Italia, Pisani in Puglia a Molfetta, e Negrini in Valtellina, già premiati come sous-chef alla corte di Aimo e Nadia Moroni e ora primi assoluti. Da quando hanno la responsabilità del Luogo è sempre Grande Italia ma con sapori anche nuovi".

"Alessandro e Fabio, che dal 2005 lavorano con noi a Il Luogo di Aimo e Nadia- sottolinea Stefania Moroni, anima del ristorante - hanno saputo fare propria la grande eredità e passione dei miei genitori, proseguendo sulla strada della continua innovazione e imprimendo un proprio stile, sempre in divenire".

Ed ecco una cucina italiana, contemporanea, con una mano alla storia e una all'attualità. Una cucina che sa recuperare i profumi antichi della cucina italiana, portandola con un gesto contemporaneo nell'oggi.

"L'assegnazione del Premio della Guida di Identità Golose - dichiara emozionato Fabio Pisani - è per noi un importante riconoscimento che ci dà la grinta per continuare sulla strada che abbiamo intrapreso". "Lo vogliamo dedicare a tutto il team che lavora con noi -incalza Alessandro Negrini - che ha creduto in quello che facciamo. La nostra è una grande squadra, da soli non si va da nessuna parte".

Il premio "Il Miglior Chef" è sponsorizzato dalla cantina Cavit di Trento.

Dalla Guida di Identità Golose

Ecco il vero miracolo italiano. Qui c'è tutto quello che vorremo vedere nel nostro Paese: rispetto, cultura, gioco di squadra, simpatia, rigore, fantasia, calore, entusiasmo, tradizione, idee. E un perfetto ricambio generazionale. Da due monumenti della nostra cucina, Aimo e Nadia Moroni, la regia dei fornelli è passata senza traumi ad Alessandro Negrini e Fabio Pisani. Grazie anche alla mediazione di Stefania Moroni. Cinque personalità esplosive che hanno trovato la sintesi in una cucina che commuove. L'italianità qui non è mai una formula retorica. Seguendo il verbo di Aimo in via Montecuccoli si incontrano tutti i tesori nazionali, dal Piemonte alla Sicilia. Gli ingredienti hanno nome e cognome: pistacchio di Bronte, pinoli di San Rossore, porri di Cervere, ceci delle Murge. Per capire il senso del miracolo basta intercalare i piatti storici (e quanto mai moderni) come lo Spaghettone col cipollotto, la Zuppa etrusca e il Pâté di fegatini e tartufo alle nuove ricette dei giovani chef. Una per tutte il Risotto mantecato all'olio Nocellara con scampi, pomodori datterini, origano di Vendicari e capperi di Pantelleria, dove il Nord (Negrini) incontra il Sud (Pisani). Completano il tutto i dolci "ortolani" di Mario Peqini e la sala calda e composta guidata da Nicola Dall'Agnolo. Detto ciò, il regalo più bello che può capitare al cliente del Luogo è la presenza di Aimo, sempre generoso di racconti e aneddoti. Ma la storia più bella è la sua: quella del ragazzino toscano emigrato nella Milano del dopoguerra che diventa il maestro venerato da tutti gli stellati d'Italia. (Gianluca Biscalchin)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio “Il miglior chef” della prestigiosa guida 2014 di identità golose

BariToday è in caricamento