Cronaca

Prima edizione del Premio Maria Maugeri, vincono William Becker e Maria Panza

La cerimonia di premiazione si è tenuta in giornata alla Fiera del Levante. Il riconoscimento è destinato a figure che si impegnano quotidianamente a salvaguardare l'ambiente

Ha visto trionfare William Becker, direttore esecutivo del Presidential Climate Action, e Maria Panza, del Wwf, la prima edizione del "Premio Maria Maugeri". La cerimonia di premiazione si è tenuta oggi alla Fiera del Levante e ha visto tra i presenti i familiari di Maria Maugeri, il marito Michele Buono e le tre figlie, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il sindaco di Bari Antonio Decaro, Filippo Caracciolo, assessore alla Qualità dell’Ambiente, Barbara Valenzano, direttore del Dipartimento Ecologia, Grazia Francescato, ambientalista e giornalista, Giuseppe D’Amato direttore U.O. procreazione assistita Asl/Ba. A coordinare i lavori il giornalista Corrado Minervini.

Il premio è stato creato per ricordare la figura dell'ex assessore della Giunta Emiliano - 'pasionaria' delle lotte ambientalista scomparsa, scomparsa prematuramente a causa di un tumore -, con l'obiettivo di celebrare le figure che si impegnano nel quotidiano per salvaguardare l'ecosistema. Tema di questa prima edizione, è stato "Cambiamenti climatici e strategia della decarbonizzazione”

“Questo premio - ha detto Emiliano - ha il nome di Maria Maugeri, una delle personalità civili e politiche che si è battuta con maggiore intensità e con i migliori risultati nella difficile battaglia per l’ambiente. Lei ci ha insegnato come ragionare in maniera ambientale, a non pensare che un singolo politico possa essere l’alfa e l’omega delle politiche ambientali. Non a caso abbiamo scelto questo luogo, la Casa della partecipazione, per ricordare che il nostro programma – e quindi anche la proposta di decarbonizzazione della Puglia - è nata in campagna elettorale, nel corso di assemblee popolari composte da migliaia di pugliesi, prima ancora che io diventassi presidente”.

maugeri 3-2

Le motivazioni 

Durante la cerimonia di consegna dei premi sono state anche lette le motivazioni che hanno portato la giuria a insignire i due ambientalisti. Di Becker è stata ricostruita la carriera costellata di progetti ambiziosi, tra cui "il Presidential Climate Action Project, fondato nel 2007 - si legge nel documento - per indirizzare ai presidenti statunitensi in carica raccomandazioni in merito alle strategie per contrastare il cambiamento climatico, producendo ben cinque piani d'azione e centinaia di proposte concrete".

Anche per Maria Panza sono state ricordate le attività a favore dell'ambiente, come la rappresentanza per il sud Italia nel 1993 nel team di esperti del WWF Italia per la campagna 'Nuovi stili di vita', che voleva far crescere la coscienza del pubblico all’utilizzo di prodotti a minor impatto ambientale. "Si ritiene pertanto che il candidato - ha spiegato la commissione giudicatrice - sia particolarmente rappresentativo del riconoscimento proposta anche in contiguità all’operato di Maria Maugeri in quanto animatrice per conto del WWF delle attività per la promozione e la conoscenza degli ecosistemi presenti all’interno dell’area perimetrata come parco regionale nell’alveo di Lama Balice".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima edizione del Premio Maria Maugeri, vincono William Becker e Maria Panza

BariToday è in caricamento