Cronaca

"Piccole tracce verdi": nelle scuole per insegnare il rispetto dell'ambiente

Il progetto della cooperative "Tracceverdi", finanziato attraverso il bando comunale "Soft economy", verrà presentato ufficialmente sabato prossimo. Obiettivo dei promotori portare nelle scuole i principi del rispetto ambientale e dell'ecosostenibilità

Sabato 29 ottobre 2011, nella splendida cornice di Villa Framarino presso il Parco Naturale Regionale di Lama Balice, all'interno della terza edizione dell'evento "Naturalmente sapori suoni e colori" organizzato da Pietro Giulio Pantaleo, la Cooperativa Sociale Tracceverdi vedrà il suo esordio.

La cooperativa nasce sulla spinta di un'esperienza durata 2 anni all'interno del magnifico Parco Naturale Regionale di Lama Balice, dalla volontà di alcuni giovani appassionati di natura, con una grande voglia di lottare per vedere vivere un bene immensurabile, ricco di risorse architettoniche, culturali e naturalistiche, un patrimonio che per 2 anni ha riscosso il successo delle scolaresche, dei visitatori, delle associazioni, che hanno deciso di partecipare al bando "SOFT ECONOMY START UP DI MICROIMPRESA GIOVANILE", bandito il 11.03.2011 ,dall'Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Bari, classificandosi secondi, con il progetto "Piccole Tracce Verdi" finanziato con 20.000 euro.

Il progetto, rivolto ad alunni di scuole primarie e secondarie di primo grado, si propone di realizzare, durante il periodo scolastico, una serie di esperienze educative all'interno del Parco di Lama Balice e nella Lamasinata, concessa generosamente dai Padri Rogazionisti del Santuario Madonna della Grotta. Attraverso lezioni frontali, escursioni e laboratori didattici, le scolaresche potranno acquisire conoscenze relative ad uno stile di vita eco-sostenibile.

Durante il periodo estivo, inoltre, saranno organizzati, per ragazzi di diverse fasce di età, campi estivi a cadenza settimanale in cui saranno proposte giornate ludico sportive, laboratori di educazione ambientale, esperienze in masserie didattiche. L'innovatività, pedagogica-ambientale del progetto ,risiede nella proposta di un servizio di divulgazione naturalistica che permette di sviluppare un forte senso ambientale e sociale e che supplisce alla carenza, sul territorio, di strutture attive nell'ambito dell'educazione ambientale.

I 4 ragazzi, un agronomo, una dottoressa in lettere, un architetto, un economista, accumunati da rapporti di solida amicizia, consolidata da ideali comuni e tanta voglia di crescere in questo settore, costituiscono un valido team in grado di perseguire lo scopo sociale di una cooperativa.Il progetto è stato patrocinato dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Bari, dal Comune di Bari dal Comune di Bitonto e dal Comune di Modugno e sostenuto da diverse istituzioni tra cui l'ARPA Puglia, circoli sportivi, scuole medie ed elementari.

Il 29 ottobre alle 10,30 dopo i saluti dell'Assessore Fabio Losito e del Direttore Generale dell'Arpa Puglia, Prof. Giorgio Assennato, la cooperativa, ospite del Presidente del Centrodarteottantanove, Pietro Pantaleo, illustrerà le proprie attività attraverso un confronto partecipato sui "Percorsi Naturalistici nei Parchi Naturali Regionali";e organizzerà, per i presenti, una breve escursione all'interno del Parco.


In linea con le politiche regionali dell'ultimo quinquennio ispirate all'opportunità di promuovere, attraverso azioni adeguate, la crescita culturale e la capacità di autoattivazione della componente giovanile, la cooperativa Tracceverdi ringrazia il Comune di Bari e il Centrodarteottantanove e invita tutti a partecipare all'evento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Piccole tracce verdi": nelle scuole per insegnare il rispetto dell'ambiente

BariToday è in caricamento