Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Prestiti usurari ad un imprenditore, arrestato commercialista

In manette un 46enne di Corato. Avrebbe prestato il denaro ad un imprenditore suo cliente pretendendo la restituzione delle somme con interessi fino al 78%

Avrebbe prestato ad un imprenditore suo cliente una somma di 60mila euro, pretendendone la restituzione con interessi fino al 78%. Un ricatto andato avanti due anni, fino a quando l'imprenditore ha deciso di denunciare tutto, facendo arrestare il suo strozzino, un ragioniere-commercialista 46enne di Corato.

Tutto comincia nell'aprile 2007. L'imprenditore, titolare di un'azienda a Corato, si trova in difficoltà economiche. Il suo commercialista, un 46enne del luogo, gli offre "un aiuto economico in qualità di amico".  Quindicimila euro per poter far fronte alle richieste più pressanti dei creditori. Ma è così che comincia l'incubo. In pochi mesi ai quei primi soldi presi in prestito se ne aggiungono altri, mentre gli interessi da corrispondere si fanno sempre più pesanti, fino a quando l'imprenditore non riesce più a rispettare le scadenze imposte dallo strozzino e decide di denunciare tutto ai carabinieri.

Partono allora le indagini, che permettono di ricostruire i contatti e i movimenti di denaro tra i conti correnti della vittima e dell'usuraio: oltre 115mila euro versati dall'imprenditore, a fronte di circa 60mila euro ricevuti, restituiti con interessi usurai pari al 78%.

Dalle indagini è emerso anche come nei due anni della contabilità della ditta, il professionista si sia disinteressato di curare l'assetto fiscale dell'azienda, contribuendo con la sua negligenza ad affossare l'attività imprenditoriale che pure avrebbe avuto tutti i requisiti per riprendersi e per rimettersi in carreggiata.

 

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prestiti usurari ad un imprenditore, arrestato commercialista

BariToday è in caricamento