Cronaca

Primo giorno di scuola, Decaro: "L'istruzione deve essere una priorità"

Dopo la pausa estiva, risuonano le campanelle, tra novità e vecchi problemi. Il primo cittadino ha trascorso la mattinata nell'istituto primario di Torre a Mare, dove ha accompagnato la piccola Chiara

E' ricominciata la scuola per gran parte degli studenti baresi: dopo la pausa estiva, le campanelle sono tornate a risuonare in gran parte degli istituti baresi, di ogni ordine e grado, tra novità e i soliti problemi per via di edifici vecchi e non sempre in un adeguato stato di manutenzione.

Il sindaco Antonio Decaro ha passato la mattinata alla scuola elementare di Torre a Mare, dove ha accompagnato la piccola Chiara nel suo primo giorno di scuola: "Ho fatto l'in bocca al lupo a tutti i suoi compagni, agli insegnanti e ai dirigenti - ha scritto il primo cittadino su Facebook - così come faccio gli auguri a tutti gli studenti baresi che tra oggi e mercoledì torneranno a sedersi tra i banchi. Come ho detto sabato, durante l'inaugurazione della Fiera, sono convinto che la scuola debba essere la nostra priorità del governo, nazionale e locale. A seconda di come noi ci comportiamo oggi, consentiremo a quei bambini di avere un futuro ricco di possibilità o di non avere altra scelta se non quella di essere adulti fragili. Il primo giorno di scuola è importante prima di tutto per noi, rappresentanti delle istituzioni. Perché noi per primi, abbiamo ancora molto da imparare".

Anche l'assessore comunale all'Istruzione, Paola Romano, ha rivolto i suoi auguri agli studenti: "La direzione che l’Amministrazione comunale ha deciso di intraprendere per quanto riguarda l’istruzione è quello del benessere degli alunni e del massimo aiuto alle famiglie, in costante dialogo con i genitori, al fianco dei dirigenti scolastici e di tutto il personale scolastico che ogni giorno è in trincea, per assicurare alle nuove generazioni un’istruzione che possa permettere ai ragazzi di trovare un posto nel mondo. Di qui la speranza che il sistema, che tutti insieme formiamo, sia all’altezza delle difficili sfide che ci aspettano".

Sulle questioni trasporto scolastico e servizio mensa, Romano rassicura: "Il Comune ascolta tutti, è al fianco delle esigenze dei deboli nel garantire i livelli essenziali di servizio pubblico che le normative e il territorio ci richiedono, ma una volta fissati i paletti di supporto, chi invece può permettersi di dare, anche poco, pochissimo, in relazione alle proprie possibilità, non deve tirarsi indietro, anche perché noi non glielo permetteremo più".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo giorno di scuola, Decaro: "L'istruzione deve essere una priorità"

BariToday è in caricamento