Cronaca Libertà / Piazza Giuseppe Garibaldi

Candele e palloncini bianchi: in centro la marcia silenziosa per Beppe Sciannimanico

In 1500 alla fiaccolata per ricordare e chiedere giustizia per il 28enne agente immobiliare ucciso lunedì scorso a Japigia

Marciano silenziosi dietro il grande striscione che apre il corteo: "Ciao Beppe, fratello biancorosso". Tra le mani una candela, sulle maglie bianche la scritta #ciaobeppe. Così amici, familiari, colleghi di lavoro hanno voluto ricordare questa sera Giuseppe Sciannimanico, l'agente immobiliare di 28 anni ucciso la scorsa settimana in un agguato che ha sconvolto l'intera città, e che rimane ancora senza un perchè. 

Circa 1500 persone si sono ritrovate per la fiaccolata partita da piazza Garibaldi. Tra i partecipanti anche il sindaco Decaro, assessori e consiglieri comunali. Nel silenzio più assoluto, il corteo ha sfilato fino a raggiungere piazza del Ferrarese, dopo una sosta davanti al palazzo della Prefettura. Un gesto simbolico per esprimere il desiderio di giustizia, la volontà che sia fatta chiarezza sulla morte di un giovane senza ombre, da tutti ricordato per la sua gentilezza e il suo garbo. 

A concludere la manifestazione, un lancio di palloncini bianchi, lasciati andare verso l'alto dagli amici e dalla fidanzata del giovane, Vanessa. Poi un grido, un saluto rivolto al cielo: "Ciao Beppe", e un lungo commosso applauso. 

VIDEO | L'APPLAUSO COMMOSSO AL TERMINE DELLA FIACCOLATA

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Candele e palloncini bianchi: in centro la marcia silenziosa per Beppe Sciannimanico

BariToday è in caricamento