Processo aggressione ai manifestanti antifascisti, rinviata a dicembre la prima udienza. Sit-in davanti al Tribunale

Il procedimento vede coinvolte 28 persone accusate di riorganizzazione del disciolto partito fascista e, nel caso di 10 imputati anche quello di lesioni personali aggravate. Tra gli imputati anche 5 compagni delle vittime, accusati di violenza e minaccia a pubblico ufficiale

E' stata rinviata al 21 dicembre prossimo, per difetti di notifiche, la prima udienza del processo sull'aggressione, da parte di militanti di CasaPound ai danni di un gruppo di manifestanti antifascisti al termine di un corteo il 21 settembre 2018 nel quartiere Libertà di Bari. 

Il procedimento vede coinvolte 28 persone accusate di riorganizzazione del disciolto partito fascista e, nel caso di 10 imputati anche quello di lesioni personali aggravate.Tra le parti civili che hanno fatto richiesta di costituzione a processo vi sono anche l'Anpi, Rifondazione Comunista, il Comune di Bari e la Regione Puglia. Tra gli imputati anche 5 compagni delle vittime, accusati di violenza e minaccia a pubblico ufficiale, perché dopo l’aggressione, "nel tentativo di sfondare il cordone dei militar"», avrebbero minacciato e colpito con calci, pugni e spintoni poliziotti e carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stamane, intanto, si è svolta davanti al Tribunale una manifestazione antifascista organizzata da Anpi, Rifondazione Comunista, Link e altre associazioni: esposti scriscioni, bandiere e cartelli: "Vogliamo raccogliere il testimone antifascista dopo la condanna di Alba Dorata in Grecia. Pensiamo che anche CasaPound vada messa fuori legge - ha dichiarato l'ex Europarlamentare di Sinistra Europea Eleonora Forenza, tra le persone aggredite il 21 settembre 2018 -. Oggi è a processo non soltanto per l'aggressione di quel 21 settembre ma anche per ricostituzione del partito fascista. CasaPound va sciolta e speriamo che la verità che emergerà da questo processo ci aiuterà nello scioglimento di CasaPound".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo Dpcm già oggi? Per fermare il contagio covid in arrivo il coprifuoco alle 22

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • Fermare l'aumento dei contagi ed evitare il lockdown, oggi il nuovo dpcm: verso coprifuoco alle 22 e orari scaglionati per le scuole

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

  • Zone rosse anti movida, Decaro attacca il governo e il nuovo Dpcm: "Inaccettabile scaricare responsabilità sui sindaci"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento