rotate-mobile
Cronaca

"Tarantini non fu pagato per mentire ai pm": gli avvocati di Berlusconi invocano la mancanza di prove

L'ex premier è accusato di aver offerto regalie all'imprenditore barese, ascoltato durante le indagini sulle escort presenti nelle residenze estive di Berlusconi tra il 2008 e il 2009

"Abbiamo sostenuto la impossibilità di rinviare a giudizio Silvio Berlusconi per la insussistenza del fatto o comunque perché il fatto non costituisce reato. Manca completamente la prova della induzione". A dichiararlo è l'avvocato Sisto, che difende insieme al collegha Ghedini l'ex premier Silvio Berlusconi accusato di induzione a mentire con l'ex direttore de L'Avanti, Valter Lavitola.

Durante l'udienza preliminare, i legali di Berlusconi dovranno dimostrare di non aver indotto Gianpaolo Tarantini - imprenditore barese - a mentire ai pm baresi che indagavano sulle escort portate nelle residenze estive dell'ex premier fra il 2008 e il 2009 e sui suoi interessi in Finmeccanica. Secondo l'accusa Tarantini avrebbe ricevuto avvocati, un lavoro e centinaia di migliaia di euro in denaro in cambio dei suoi 'favori'. La Procura di Bari ha chiesto nei giorni scorsi il rinvio a giudizio. I legali hanno anche chiesto che il processo venga trasferito per competenza a Napoli, oppure al Tribunale dei Ministri, visto che Berlusconi all'epoca era presidente del Consiglio).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tarantini non fu pagato per mentire ai pm": gli avvocati di Berlusconi invocano la mancanza di prove

BariToday è in caricamento