Cronaca

Processo 'Escort', la pm: "Tarantini, ragazze a Berlusconi per ottenere favori"

Requisitoria al processo, a Bari, che vede imputati l'imprenditore pugliese e altre 6 persone a vario titolo accusati di associazione per delinquere finalizzata a sfruttamento, favoreggiamento e induzione alla prostituzione di 26 giovani donne. Per i magistrati, Tarantini mirava ad appalti e a un seggio alle Europee 2009

Avrebbe cercato di "accreditarsi Presso Silvio Berlusconi" utilizzando le ragazze da condurre nelle residenze del 'Cavaliere' per le note 'cene eleganti': la pm di Bari, Euguenia Pontassuglia, ha espresso la posizione dell'accusa, questa mattina, nell'ambito della requisitoria nel processo in cui l'imprenditore pugliese e altre 6 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata a sfruttamento, favoreggiamento e induzione alla prostituzione di 26 giovani donne. Secondo il magistrato, Tarantini, avrebbe agito tra il 2008 e il 2009 cercando di "farsi apprezzare" dall'ex premier: per gli inquirenti, in questo, modo, l'imprenditore sperava di ottenere appalti consistenti da Finmeccanica e Protezione Civile, sognando, anche, una elezione al Parlamento Europeo candidandosi nelle liste di Forza Italia. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo 'Escort', la pm: "Tarantini, ragazze a Berlusconi per ottenere favori"

BariToday è in caricamento