Cronaca

Botte e insulti alla moglie, a processo marito violento: l'associazione Gens Nova parte civile

La donna, ora collocata in una casa protetta, si è rivolta all'associazione che tutela le fasce deboli vittime di reati

Avrebbe ripetutamente insultato e picchiato la moglie, percuotendola con schiaffi, calci e pugni, arrivando a trascinarla per terra procurandole traumi e ferite. Nel processo penale contro l'uomo, ora detenuto in carcere, è stata ammessa parte civile l'associazione Gens Nova, impegnata nella tutela delle fasce deboli vittime di reati.

La vittima, infatti, ora collocata presso una casa protetta, si era rivolta anche all'associazione Gens Nova, presieduta dall’avvocato Antonio Maria La Scala, che nel caso di specie ha conferito mandato all’avvocata Laura Bellanova.

"Ancora una volta - commenta La Scala - siamo vicini alle vittime, nonostante l’inasprimento delle pene, e le leggi emanate a tutela delle persone vittime di violenza, si continuano a consumare i più beceri reati a danno delle donne, che cercheremo di tutelare con tutte le nostre forze nelle sedi opportune".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte e insulti alla moglie, a processo marito violento: l'associazione Gens Nova parte civile

BariToday è in caricamento