menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morte canoista al Cus, il giudice: "Non fu fatalità". Disposte nuove indagini su sicurezza

Il gip di Bari ha rilevato una"notevole serie di negligenze e inadempienze da parte di organi pubblici, non adeguatamente messe in luce dalla polizia giudiziaria". Archiviato procedimento per due persone

Il gip del Tribunale di Bari, Roberto Oliveri del Castillo, ha disposto nuove indagini sulla sicurezza dell'area portuale del Cus del capoluogo pugliese, nell'ambito del provedimento sulla morte di Nicola Mangialardi, canoista modugnese deceduto il 9 marzo 2015 nel corso di un allenamento. Per il giudice, la morte "non è ascrivibile a pura e semplice fatalità". Nel frattempo, il gip ha archiviato, su richiesta della procura, il procedimento per omicidio a carico di due persone, ovvero un atleta che si allenava quel giorno con la vittima (difeso dagli avvocati Claudio Minichiello e Cristiano Campanella) e il titolare del pontile contro il quale la canoa si schiantò (difeso dal legale Filippo Spera).

Il giudice rileva una "notevole serie di negligenze e inadempienze da parte di organi pubblici, non adeguatamente messe in luce dalla polizia giudiziaria". In particolare il giudice chiede alla Procura di approfondire le modalità dell’allenamento e gli "eventuali accidenti che abbiano determinato il disorientamento", di disporre una consulenza tecnica sul gps della canoa, mai analizzato in fase di indagini, di verificare eventuali "ritardi nei soccorsi" e "omissioni degli organi istituzionali che appaiono evidente concausa dei fatti in esame".

Il pm Simona Filoni, nella richiesta di archiviazione, aveva scritto che "sebbene sia emerso in maniera inconfutabile che i due canoisti non potessero allenarsi all’interno dell’area portuale in cui è avvenuto l’incidente mortale, è pur vero che tale prassi, non solo si protrae da anni, ma è abitualmente tollerata dalla Capitaneria di Porto e da tutti gli enti preposti al controllo dell’area portuale. Quella dei due canoisti coinvolti, infatti, costituiva soltanto una delle imbarcazioni che il giorno dell’evento affollavano l'area in questione". Secondo il pm "è emersa l’assenza di una efficace regolamentazione in materia di sicurezza della navigazione all’interno del bacino portuale di Bari, che si traduce in caos, disordine e conseguente abbassamento del livello di sicurezza della navigazione". I familiari della vittima, difesi dagli avvocati Angela Maralfa e Augusto Bellino, si erano opposti alla richiesta di archiviazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento