menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Novanta condanne per complessivi 700 anni di carcere: la sentenza del processo Pandora decapita i clan Capriati e Mercante-Diomede

Le pene comminate vanno da un minimo di 4 anni e 6 mesi a un massimo di 11 anni e 4 mesi per Nicola Diomede, riconosciuto come uno dei capi organizzatori del sodalizio. Il procedimento è scaturito dal maxi blitz di giugno 2018

Novanta condanne per un complessivo di 700 anni di carcere infltti: è stata emessa, dal gip di Bari, la sentenza del processo Pandora, ai danni di numerosi esponenti appartenenti, a vario titolo, ai clan Diomede-Mercante e Capriati, scaturito dal maxiblitz del giugno 2018 effettuato dai Carabinieri che decapitò i sodalizi criminali portando alla luce numerosi affari illeciti in praticolare nei comuni a nord di Bari.

Il procediemnto, con rito abbreviato, ha riguardato 91 imputati su 104 arrestati complessivamente nel blitz: per gli altri 13 vi è in corso il rito ordinario. Nella sentenza di primo grado di oggi, letta nell'aula bunker del carcere di Trani, 51 imputati sono stati riconosciuti appartenenti al clan Diomede-Mercante e 36 a quello dei 'Capriati'. Due imputati sono stati condannati perche avrebbero preso parte, nel tempo, ad entrambe le consorterie mafiose, uno invece per rapina aggravata e sequestro di persona. Le pene comminate vanno da un minimo di 4 anni e 6 mesi a un massimo di 11 anni e 4 mesi per Nicola Diomede, riconosciuto come uno dei capi organizzatori del sodalizio.

L’indagine diretta dalla DDA di Bari e condotta dal ROS ha dimostrato che entrambi i sodalizi erano caratterizzati "da una struttura gerarchizzata in cui delineati i ruoli e i compiti degli affiliati, dall’imposizione di rigide regole interne e del connesso rispetto delle gerarchie, dal controllo militare del territorio – coincidente totalmente o parzialmente con quello dei quartieri del
centro abitato di Bari in cui promosse le attività illecite e dall’operatività delle articolazioni presenti in vari comuni della provincia di Bari (Valenzano, Bitonto, Adelfia, Triggiano, Altamura, Corato, Terlizzi), e di Barletta-Andria-Trani (Bisceglie, Trani)". I clan, inoltre, avrebbero fatto ricorso "a rituali camorristici di affiliazione promossi, diretti ed organizzati dai loro componenti che all’interno del sodalizio rivestono la qualità di “padrini” a favore dei “figliocci”, attraverso le cerimonie liturgiche del “battesimo”, con il quale viene conferita la “personalità mafiosa” necessaria per agire nell'ambito
del consorzio con pienezza di diritti e doveri, ma anche di quella del “movimento” con il quale all’affiliato viene conferita la “dote”, ovvero la promozione ai vari gradi superiori, eseguito necessariamente con la partecipazione di altri soggetti “attivati”, funzionali a stabilire un posizionamento nell’organigramma del clan, entrambe celebrate da un organismo, denominato 'capriata' ".

Nel processo “Pandora” avrebbero dovuto trovare spazio l’esame delle posizioni di altri 6 soggetti, tutti morti per agguati: tra loco Diomede Cesare (ucciso nel 2011); Matera Nicola (ucciso nel 2012); Villoni Massimiliano (ucciso nel 2012); Sifanno Donato (ucciso nel 2014); Luisi Luigi (ucciso nel 2016); Fiorile Gaetano (ucciso nel 2017). Quattro gli imputati che hanno  formalizzato ammissioni di colpe, due i 'pentiti'. Si è trattato del più complesso processo mai celebrato in Italia interamente in videoconferenza: la Amministrazione penitenziaria ha contribuito alla gestione di decine di collegamenti in videoconferenza con altrettanti istituti penitenziari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento