menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dipinti falsi venduti come originali: sequestrate numerose 'opere d'arte'

Inchiesta della Procura di Bari e dei Carabinieri: sequestrati 386 dipinti taroccati immessi sul mercato. Coinvolte 35 persone: a 12 viene contestato anche il reato associativo. Tra i falsi anche opere di Schifano, Caffè e Borghese

Trentacinque persone sono coinvolte, a vario titolo, in un'indagine coordinata dalla Procura di Bari e dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale del capoluogo pugliese riguardante la contraffazione di opere d'arte: ben 386 dipinti, falsamente attribuiti ad artisti di fama internazionale come Schifano, Caffè, Vasarely, Borghese, Guidi e altri, sono stati sequestrati dai militari. Tra le persone coinvolte anche il curatore dell'Archivio di uno degli artisti, ritenuto responsabile di aver contraffatto i documenti di certificazione delle opere, modificandone anche il numero di archiviazione. Gli investigatori avrebbero anche individuato il falsario che aveva il compito di riprodurre fedelmente i dipinti dagli originali. Numerose perquisizioni sono state eseguite in tutta Italia: sequestrati anche 4 cataloghi generali delle opere di Nino Caffè, nei quali sarebbero state pubblicate anche false opere 'autentiche' dopo accordo con il curatore e il pagamento di somme da parte di ignari acquirenti. Nell'ambito dell'inchiesta, è stato contestato anche il reato associativo per quattordici persone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento