rotate-mobile
Cronaca

Ucciso per errore durante rapina, smarriti atti: processo da rifare

Il procedimento riguarda l'omicidio di Michele Molfetta, ucciso per errore in una rapina a Bitritto nel 1993: tra gli imputati c'è il boss pentito Antonio Di Cosola

Tra gli atti mancano i faldoni delle intercettazioni, e così, dopo 22 anni, il processo per omicidio è da rifare. Il caso riguarda la morte di Michele Molfetta, 38enne ucciso per errore durante una rapina avvenuta a Bitritto nel 1993.

Gli atti sono stati restituiti dal gup alla Procura affinché integri le carte mancanti, ma c'è il rischio che il reato possa cadere in prescrizione prima della conclusione del processo.

Per l'omicidio di Michele Molfetta sono imputati il boss pentito Antonio Di Cosola e altri quattro. Soltanto oggi, tra l'altro, la posizione di due di essi è stata stralciata perché minorenni all'epoca dei fatti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso per errore durante rapina, smarriti atti: processo da rifare

BariToday è in caricamento