Professione militare arriva a Bari: “Fondamentale il rapporto tra giovani e formazione”

Professione Militare allarga la sua famiglia: ecco un nuovo riferimento per informazioni e formazione a Bari

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

E sono otto. Otto come gli sportelli pubblici informativi di Professione Militare presenti in Puglia: in Via Nicolò dall'Arca 19 si è tenuta l'inaugurazione della sede di Bari dell'ente senza scopo di lucro, che opera sul territorio nazionale con la finalità di fornire informazioni puntuali e consulenza circa i concorsi indetti in ambito militare. Una tappa festeggiata alla presenza dei vertici dell'organizzazione e dei rappresentanti delle istituzioni, in attesa della serata di gala prevista per i primi giorni del 2017.

Il progetto, sviluppato con l'aiuto della provincia, rappresenta un'opportunità per i giovani: "Anche sul territorio di Bari avremo modo di relazionarci con tanti giovani che mirano ai concorsi nelle forze armate e nelle forze di polizia-assicura il direttore generale di Professione Militare Cosimo Menza-noi forniamo ingredienti fondamentali per permettere ai cittadini più giovani di capire quali fossero i requisiti e le modalità di accesso alle Forze Armate e di Polizia". Concetti ribaditi a chiare lettere dal dirigente per lo sportello pubblico Andrea Sandrelli: "Agiamo per conto della provincia e dei centri dell'impiego, forti di un'esperienza pluriennale: si tratta di una storia avviata cinque anni fa grazie al supporto dell'allora presidente della provincia Barletta-Andria-Trani, Francesco Ventola". Lo stesso Ventola ha dato il suo in bocca al lupo alla sede barese: "Finalmente Professione Militare arriva nel capoluogo di regione: si tratta di una grande opportunità per il territorio, permettendo ai ragazzi di seguire un percorso guidato da personal autorevole, che agisce con spirito di volontariato. Vivere le forze armate aiuta a saper vivere: e oggi di questo c'è veramente bisogno".

Sportelli Informativi Didattici dislocati su tutto il territorio nazionale volti a informare i cittadini più giovani sulla possibilità di lavorare al servizio dello Stato: prezioso in tal senso è stato anche il supporto del consigliere regionale Ruggiero Mennea. "Si tratta di un ente che svolge un'azione formativa rilevante-ha spiegato lo stesso Mennea, presidente del comitato permanente di Protezione civile pugliese-relazionarsi con Professione Militare significa anche poter entrare in contatto con un orientamento preciso circa il proprio futuro e con la concreta possibilità di avere un avvenire contraddistinto da un contratto e un posto di lavoro, merce rara di questi tempi". Accanto a Professione Militare ci sarà anche Anafim (Associazione Nazionale per l'assistenza dei figli minorati di dipendenti ed ex dipendenti militari e civili del Ministero della Difesa), rappresentata dal consigliere nazionale Cosimo Calabrese: "Siamo fieri di accettare questa sfida-ha ammesso Calabrese-abbiamo un ruolo importante: confrontarci con il Ministero su temi e problematiche rilevanti nella sfera familiare di persone appartenenti alla sfera delle forze armate. Entrare nel mondo del lavoro oggi è una possibilità enorme, e siamo contenti di poter dare una mano in questo". Il mondo di Professione Militare (in Puglia esistono già le sedi di Andria, Barletta, Trani, Martina Franca, Lecce, Taranto e Manfredonia) non si ferma. A breve è previsto il taglio del nastro di sedi operative su Pescara e Foggia.

Torna su
BariToday è in caricamento