rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

Profughi dall'Ucraina in Puglia: dal Comune di Bari bando per accoglienza in alberghi e strutture ricettive

L'assessora Bottalico: "Stiamo vivendo un momento oggettivamente molto complesso, in cui gli arrivi dei profughi ucraini, sempre più numerosi, si aggiungono agli arrivi ordinari sul nostro territorio e all’aumento delle povertà e delle relative esigenze socio-sanitarie"

Il Comune di Bari ha avviato un avviso pubblico per individuare strutture ricettive disponibili ad accogliere profughi provenienti dall’Ucraina, qualora non sia possibile garantirne l’accoglienza tramite le misure ordinarie del Cas (Centro di accoglienza straordinario) o del Sai (Sistema di accoglienza e integrazione) messe a disposizione dalle Prefetture.

L’amministrazione comunale procederà, sin dalla data di pubblicazione dell’avviso, all’esame delle domande pervenute, con modalità a sportello (in ordine di acquisizione delle istanze), e le domande ritenute ammissibili saranno inserite nell’apposito Albo delle strutture ricettive solidali di Bari e i singoli contratti attuativi saranno man mano stipulati al fine di rendere immediatamente disponibili i posti di accoglienza.

“Accanto alla procedure che l’assessorato ha avviato per l’ampliamento dei Sai ministeriali e alla luce dell’esaurimento dei posti CAS individuati dalla Prefettura, oggi avviamo una nuova procedura di convenzionamento con alberghi e strutture ricettive che ci permettano di ampliare i posti attualmente disponibili per l’accoglienza - commenta l'assessora cittadina al Welfare, Francesca Bottalico -. Questo avviso nasce per rispondere alle tante richieste che continuano a pervenire presso i nostri uffici per l’accoglienza dei profughi ucraini, molti dei quali, giunti all’inizio del conflitto, hanno trovato soluzioni di emergenza tramite ricongiungimenti familiari o accoglienze presso famiglie disponibili, situazioni insostenibili a lungo termine soprattutto perché si tratta di persone particolarmente vulnerabili, che necessitano perciò di un sostegno qualificato.  Stiamo vivendo un momento oggettivamente molto complesso, in cui gli arrivi dei profughi ucraini, sempre più numerosi, si aggiungono agli arrivi ordinari sul nostro territorio e all’aumento delle povertà e delle relative esigenze socio-sanitarie, anche a causa della mancanza di risorse aggiuntive straordinarie da parte dello Stato, fondamentali e urgenti" conclude Bottalico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi dall'Ucraina in Puglia: dal Comune di Bari bando per accoglienza in alberghi e strutture ricettive

BariToday è in caricamento