menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Molfetta e Giovinazzo in campo contro lo spreco alimentare: "Possibili sconti Tari per chi ridistribuisce le eccedenze"

Il progetto 'Non si butta via niente' vuole coinvolgere imprese e consulenti aziendali, ristorazione e banqueting, amministratori locali, panificatori, aziende agricole, farmacie e autorità giudiziaria. Tra le misure pensate ci sono gli sconti Tari per i commercianti

Sconti sulla Tari per le attività che producono e distribuiscono beni alimentari in eccedenza che altrimenti finirebbero in discarica. È una delle possibili iniziative pensate nell'ambito del progetto 'Non si butta via nulla', messo a punto dai Comuni di Molfetta e Giovinazzo, che punta ad arginare il fenomeno diffuso legato agli sprechi alimentari con lo scopo di ridurre la povertà alimentare. Il progetto intende coinvolgere imprese e consulenti aziendali, ristorazione e banqueting, amministratori locali, panificatori, aziende agricole, farmacie e autorità giudiziaria che, ciascuna per le proprie competenze, siano in grado di fare rete attivando meccanismi virtuosi. Operazioni di beneficio simile allo sconto sulla Tari, potrebbero arrivare anche nei confronti di imprenditori agricoli, "con la donazione del cosiddetto 'residuo in campo' al termine della raccolta. Stessa logica anche per i mercati ittici e ortofrutticoli" spiegano dall'amministrazione comunale di Giovinazzo. Nelle prossime settimane sono previsti incontri, in modalità digitale, con le diverse categorie coinvolte, così da avviare la fase propedeutica per l’inizio del servizio. Partner del progetto, a cui potrebbero aggiungersene altri nei prossimi giorni, al momento, sono i Comuni di Molfetta e Giovinazzo (vincitori di un avviso pubblico regionale), l’associazione Banco delle opere di carità di Bari, la Diocesi di Molfetta, Ruvo, Giovinazzo e Terlizzi – Ufficio Caritas, Istituto di istruzione superiore secondaria Vespucci di Molfetta, Istituto professionale di Stato per i servizi di enogastronomia e ospitalità alberghiera, l’istituto comprensivo Bavaro-Marconi di Giovinazzo.  

L’iniziativa, la cui progettazione è stata supportata dal settore socialità, è stata fortemente voluta dagli assessori alle Politiche Sociali di Molfetta, Angela Panunzio, e di Giovinazzo, Michele Sollecito. "Questo progetto, fortemente voluto dall’Ambito, ci aiuterà a mettere in circolo un’economia virtuosa secondo quanto già disposto con la Legge nazionale “Gadda” e la Legge Regionale Mennea - dichiara l’assessore Michele Sollecito - Si tratta di un’iniziativa che si pone ottimamente nel solco del nostro programma di ambito di contrasto alla povertà e che ci aiuterà a promuovere nelle giovani generazioni la cultura del dono e della corresponsabilità".  "Quello che ci prepariamo ad attuare – spiega l’assessore Panunzio - è un progetto articolato che va incontro alle nuove povertà, quelle determinate da Covid, ma anche dalla crisi che sta attraversando il mondo del lavoro, e punta alla creazione di una rete solidale in grado di dare risposte concrete a quanti hanno bisogno di cibo, di medicinali, di beni di primaria ed estrema necessità". 

Foto di repertorio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento