Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Prostituzione minorile al San Nicola, arrestati tre incensurati: "Bambini procacciati con i social network"

In mattinata due persone sono finite in carcere e una ai domiciliari nell'ambito delle indagini partite a marzo del 2017. Negli scorsi mesi furono già arrestate due persone per adescamento dei piccoli di etnia rom

Finiscono in carcere due incensurati, un 58enne e un 51enne, e ai domiciliari un 46enne - residenti nella provincia di Bari, accusati di essere coinvolti nel giro di prostituzione minorile di bambini rom vicino allo Stadio San Nicola.

I tre arresti

Questa mattina i carabinieri della compagnia San Paolo hanno dato esecuzione a tre ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip. Durante le indagini - che si sono avvalse di intercettazioni telefoniche, perquisizioni e sequestri nelle residenze degli indagati, servizi di sorveglianza dinamica e colloqui con i testimoni, associate all’analisi forense dei dispositivi informatici da parte di un consulente tecnico esperto nominato dalla Procura - sono emerse attività su internet per il procacciamento dei minori grazie ai social network. Un vero gruppo online, dove gli appartenenti erano accomunati dalla stessa devianza sessuale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini

Le indagini, partite a marzo del 2017, avevano già portato in carcere due anziani, accusati di aver adescato sessualmente un minore rom di 13 anni (successivamente collocato in casa famiglia). Successivamente era stato emesso un provvedimento restrittivo nei confronti di un ristoratore 45enne, originario di Modugno, che avrebbe compiuto atti sessuali con un minore. Le vittime del 'mercato del sesso' minorile erano quasi sempre minori provenienti dalle fasce meno abbienti della popolazione, spesso con passati tristi alle spalle, calpestati nella dignità e nel rispetto, in cambio di pochi spiccioli.

Decaro: "Spero possano marcire in galera tutta la vita"

"Nonostante con l’esecuzione degli odierni provvedimenti - spiegano i carabinieri - sia concluso il progetto investigativo iniziale, le indagini proseguiranno per approfondire tutti gli spunti investigativi raccolti dall’analisi dei reperti informatici e dei messaggi e foto scambiate tramite i social network".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituzione minorile al San Nicola, arrestati tre incensurati: "Bambini procacciati con i social network"

BariToday è in caricamento