'Pasticciaccio' alternanza scuola-lavoro, gli studenti tornano in piazza a novembre

Due le iniziative in programma: un sit-in piazza Prefettura il 17 e un corteo il 24 novembre per le strade del centro. Lavermicocca (Uds): "Non vogliamo più essere sfruttati"

Gli studenti tornano in piazza per protestare contro l'alternanza scuola-lavoro, in un novembre che si preannuncia molto caldo sul fronte della mobilitazione. L'annuncio arriva da Uds-Unione degli Studenti, l'associazione che già negli scorsi mesi avevano denunciato le falle nel percorso di inserimento lavorativo introdotto dalle legge sulla 'Buona scuola'

Le proteste a novembre

A novembre saranno due le occasioni di protesta per gli studenti delle scuole baresi, che hanno lanciato gli 'Stati generali dello sfruttamento'. Il 17 novembre si terrà infatti un sit-in in piazza Prefettura, oltre ad assemblee studentesche sul tema negli istituti che hanno aderito alla manifestazione, tra cui il 'Lenoci' e il 'Salvemini' a Japigia. Il 24 novembre, invece, è previsto un corteo che si snoderà per le vie del centro murattiano. Ancora da definire il percorso, ma l'appuntamento sarà alle 9 da piazza Umberto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Basta con lo sfruttamento"

"Oggi dalle scuole della Regione arriva un messaggio chiaro: non vogliamo più essere sfruttati nei percorsi di alternanza scuola-lavoro - spiega Davide Lavermicocca, dell'Uds -, vogliamo uno Statuto dei diritti degli studenti e delle studentesse in alternanza scuola-lavoro ed un Codice etico da imporre alle aziende per evitare che si svolgano percorsi di alternanza con enti collusi con la mafia, che devastano il territorio o non rispettano i diritti dei lavoratori”. In particolare i ragazzi si sono lamentati delle mansioni imposte in grosse catene nel settore alimentare o dell'abbigliamento, a loro dire rasentanti lo sfruttamento. Gli studenti hanno infatti raccontato all'associazione di aver fritto patatine e fatto fotocopie negli uffici e nelle banche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento