rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Mola di Bari

Manifesti con minacce e una croce in piazza a Mola: la consigliera Parchitelli contestata per la riapertura della discarica Martucci

Lucia Parchitelli, in quota Pd, aveva difeso l'impianto per lo scarico dei rifiuti. E tra i messaggi di protesta c'è chi le augura di finire in ospedale con un tumore

"Alla Parchitelli che ha preso 500 voti a Mola gli auguriamo 500 possibilità di andare in uno 048": il riferimento, apparso in piazza a Mola di Bari, è al codice che si riferisce all'esenzione sanitaria per i malati di tumore. Nel mirino dei contestatori è finita la consigliera regionale del Pd Lucia Parchitelli, presa di mira, assieme alla consigliera comunale molese Elvira Tarsitano, per aver difeso la riapertura della discarica Martucci, tra Mola e Conversano.

Non solo manifesti, ma anche una croce comparsa nel prato in piazza. "Invitiamo gli elettori molesi - si legge su un altro cartello - a prendere le distanze da tutti i partiti politici e le liste civiche che hanno votato a favore della discarica Martucci e non votarle alle prossime elezioni amministrative".
"Quello che è accaduto stamattina in piazza è vergognoso - commenta su facebook il sindaco Giuseppe Colonna - e prendo pubblicamente e nettamente le distanze". "Vogliono - prosegue - inquinare il clima politico e sociale della nostra società: non glielo consentiremo. Da parte mia perseguirò nelle sedi opportune gli autori di questo inqualificabile gesto".

“Le intimidazioni e le minacce perpetrate ieri, nei confronti della consigliera Parchitelli sono vergognose e inaccettabili. Siamo di fronte ad un vile atto di bullismo politico, che viola i principi di una società democratica, sconfinando dalla protesta alla barbarie": è quanto affermato in una nota, su iniziativa del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dell'assessora regionale all’Ambiente Anna Grazia Maraschio, dalla Presidente del Consiglio Regionale Loredana Capone, dalle assessore regionali al Welfare e ai Trasporti Rosa Barone e Anita Maurodinoia, dalla consigliera con delega alle Politiche culturali Grazia Di Bari e dalla consigliera regionale Debora Ciliento

"E’ un grave affronto a tutte le donne impegnate in politica - dicono -, di fronte al quale bisogna assumere all’unanimità una posizione netta di condanna. Siamo al fianco di Lucia Parchitelli, la consigliera regionale, minacciata da ignoti per aver svolto responsabilmente il proprio ruolo nell’esercizio delle proprie funzioni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifesti con minacce e una croce in piazza a Mola: la consigliera Parchitelli contestata per la riapertura della discarica Martucci

BariToday è in caricamento