Maxi calcolatrice e striscioni, gli studenti in protesta contro il G7 in piazza del Ferrarese

La singolare manifestazione si è tenuta oggi. Gli studenti parteciperanno dal 12 maggio all'Altro Vertice' a parco 2 Giugno, con due giorni di assemblee, dibattiti e attività ludiche

Una maxi calcolatrice e uno striscione con su scritto "a fare i conti ora siamo noi": è questa l'originale protesta degli studenti baresi contro il G7, il summit dei ministri dell'Economia e delle Finanze internazionali. Gli studenti li hanno appesi oggi in piazza Ferrarese, manifestando la loro contrarietà al vertice.
 
“Sempre più i profitti delle multinazionali e dei privati sono prodotti dallo sfruttamento dei nostri territori e delle nostre vite - spiega Nicolò Ceci, coordinatore Unione degli studenti Puglia -. Casi emblematici sono l’ilva di Taranto, le centrali Enel di Brindisi e, in ultimo, il progetto TAP: opere che ci restituiscono la cifra di un territorio martoriato dai conflitti ambientali e che costringe il più delle volte la popolazione sotto il ricatto salute/ambiente e lavoro". Per l'associazione studentesca è necessario quindi che ci sia un’inversione di marcia, perchè "non possiamo più permettere - prosegue Ceci - che per gli interessi di pochi siano i cittadini, le cittadine, gli studenti, i lavoratori precari e i disoccupati a pagare le conseguenze di politiche economiche e di welfare che non tengono conto delle esigenze dei territori e della popolazione.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A partire da venerdì 12 maggio e fino alla sera del 13 maggio l'Uds parteciperà a 'l'Altro Vertice' a parco 2 Giugno, organizzato insieme a tante altre realtà del panorama pugliese impegnate sul fronte sociale, politico e culturale, con i quali saranno organizzati assemblee, dibattiti e attività ludiche. "Oggi abbiamo deciso di costruire questa grande calcolatrice - spiega Sara Acquaviva, coordinatrice della Rete della Conoscenza Puglia - che rappresenti i 'molti più di sette' che prendono parola: di fatti, i conti e le conseguenze di queste politiche finanziarie fatte di diseguaglianze ed esclusioni sociali noi li viviamo sulla nostra pelle!  Siamo molti più di sette e sulle sorti dei territori, della popolazione e dell’economia abbiamo il diritto di esprimerci e di farci ascoltare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento