menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Altamura torna zona gialla ma non "allenta le maglie" della sicurezza: coprifuoco anticipato alle 20.30 e divieti di stazionamento a partire dal 16 dicembre

Ad annunciarlo è il sindaco del comune barese, Rosa Melodia, in una diretta social. Sospese anche le lezioni in presenza fino al 6 gennaio per tutte le scuole. Previste poi restrizioni particolari per i giorni della vigilia

Altamura è tornata zona gialla, ma l'attenzione al Covid rimane alta, tanto che il sindaco Rosa Melodia ha deciso di applicare nuove restrizioni per negozi, scuole e cittadinanza. Le ha annunciate direttamente in una diretta social e saranno attive da domani, 16 dicembre, fino al 6 gennaio. In primis c'è il comparto commercio, con la conferma della chiusura del mercato settimanale, "mentre i mercatini rionali giornalieri saranno implementati anche banchi per l'abbigliamento" ricorda la prima cittadina. Cambiano anche le regole per l'asporto: in bar e ristoranti (che possono rimanere aperti per dpcm fino alle 18), l'asporto finisce alle 20.30, l'orario in cui nel comune barese scatta il coprifuoco anticipato (nel resto della Puglia è alle 22). "Sarà comunque possibile per tutta la giornata la consegna a domicilio - assicura la Melodia - Mentre nei giorni di vigilia, ovvero il 24, il 31 e il 5 gennaio tutte le attività commerciali dovranno chiudere alle 14".

Previsto anche il divieto di stazionamento nelle vie più soggette ad assembramenti, ovvero piazza Duomo, piazza San Giovanni, piazza Municipio, piazza Don Tonino Bello, piazza Zanardelli, piazza Resistenza e l'area delle mura megalitiche. In tutta la città, inoltre, i distributori automatici h24 saranno chiusi dalle 20.30 alle 5 del mattino.

Confermate anche le ordinanze per le scuole, dove la didattica in presenza è vietata fino al 6 gennaio per tutti gli istituti statali e paritari di ogni ordine e grado. "Rimarranno chiusi anche centri sociali per anziani, centri ludici e circoli privati, mentre potranno aprire asili nido, centri socio educativi per disabili e minori e istituti professionali - aggiunge il sindaco - Non possiamo allentare le maglie in maniera più completa perché abbiamo ancora delle persone contagiate. Ci sono tanti guariti ma anche persone che al trentesimo giorno non si negativizzano".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento