Putignano, smerciano banconote false: un arresto e due denunce

Le indagini dei carabinieri partite dalla segnalazione di un ambulante, che si era visto consegnare da due giovani una banconota contraffatta da 50 euro. Nei guai anche una terza persona, successivamente bloccata dai militari

Un lotto di banconote false da 50 euro, trovate in possesso di tre persone in due diverse situazioni. I carabinieri indagano a Putignano su un giro di banconote contraffatte scoperto negli ultimi giorni.

Le indagini sono partite da una segnalazione al 112 di un venditore ambulante, che durante una sagra locale si era visto 'appioppare' da due ragazzi una banconota da 50 euro contraffatta. Le caratteristiche della banconota avevano insospettito il commerciante, che aveva così allertato i carabinieri. Accertata la falsità del denaro, i militari erano riusciti ad individuare i due giovani che ne erano in possesso: un 17enne incensurato del posto ed un 18enne già conosciuto per i suoi precedenti con la giustizia.

I due sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria, ma le indagini non si sono fermate. Nell'ambito di questa attività investigativa, nella serata di venerdì, i militari hanno fermato e sottoposto a controllo un 34enne di Putignano. Fermato mentre percorreva a piedi via Estramurale a Levante, il giovane ha subito insospettito i carabinieri per il suo inspiegabile nervosismo. Più approfonditi controlli hanno consentito di rinvenire nel suo portafogli cinque banconote sempre dello stesso taglio (da 50 euro) contraffatte, pronte quindi per essere spese. Per il 34enne sono scattati i domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutte le banconote sequestrate, che verranno inviate presso la sede della Banca D’Italia per gli ulteriori approfondimenti, avevano lo stesso numero seriale di quelle spese durante la sagra. Gli investigatori ipotizzano quindi che siano state prodotte e commercializzate da un'unica fonte: le indagini continuano quindi per risalire alla filiera della falsificazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento