menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Insulti in un post su Facebook, la cittadina chiede scusa e Decaro rinuncia alla querela: "E' importante usare bene i social"

Il sindaco di Bari: "Proviamo a contare fino a 10 prima di scrivere un post, un commento un pensiero e cerchiamo di usare questo strumento così utile e importante per noi, con più rispetto verso noi stessi e verso la vita degli altri"

Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, Ha rinunciato ad andare avanti con la querela nei confronti di una cittadina barese che qualche giorno fa, in un post su Facebook, aveva insultato il primo cittadino. La donna, in un messaggio privato a Decaro, gli ha chiesto formalmente scusa, 

"Non sarà una tastiera a renderci più forti o a darci ragione - ha scritto il sindaco in un post sul social network - . Capita spesso, anche su questa bacheca di leggere insulti, offese, illazioni, allusioni a reati, minacce di violenza e parolacce.È accaduto nei miei confronti, perché faccio il sindaco e qualcuno crede che contro il sindaco si possa dire qualsiasi cosa. Ma così non è. Prima di tutto perché, nonostante le mie 'spalle larghe', sono pur sempre un uomo, e certe cose, credetemi, feriscono nel profondo. E in secondo luogo perché, in quanto responsabile di una comunità, ho il dovere di interrompere sul nascere situazioni che generano violenza, seppure soltanto verbale"

"Mi è successo qualche giorno fa - aggiunge   con una signora che me ne ha dette di tutti i colori compresi insulti e allusioni a un ipotetico mio coinvolgimento in una compravendita di voti. A quel punto ho annunciato alla signora in questione l’intenzione di querelarla per quanto scritto. In privato la signora mi ha chiesto scusa, adducendo come giustificazione di quel comportamento un momento di difficoltà personale. Non andrò avanti con la querela ma vorrei che la signora e tutti gli altri cittadini che si sentono liberi di scrivere le peggiori offese su un social network si fermassero a pensare a cosa succede nella vita di chi riceve quegli insulti. A volte ci sono situazioni di fragilità, adolescenti, famiglie che ne soffrono. Oggi, 9 febbraio, è la Giornata mondiale per la sicurezza in Rete. Facciamo uno sforzo tutti insieme. Proviamo a contare fino a 10 prima di scrivere un post, un commento un pensiero e cerchiamo di usare questo strumento così utile e importante per noi, con più rispetto verso noi stessi e verso la vita degli altri" conclude il primo cittadino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento