Quindici autocertificazioni per rientrare a Bari da Londra: l'odissea di Angelo e Graziana

E' la storia di una coppia della provincia di 40 e 37 anni, genitori di una bimba di 2, da 10 anni nel Regno Unito per lavoro. Lui cameriere e lei contabile, hanno deciso di rientrare in Puglia per un sostegno economico e per la piccola

Ben 15 autocertificazione da compilare  italiano e in inglese per arrivare da Londra a Bari 48 ore prima che scattasse la Fase 3, cioè la libera circolazione tra regioni e con i Paesi dell’area Schengen, e per quei due giorni hanno anche l’obbligo di quarantena: è la storia di Angelo e Graziana, 40 e 37 anni, genitori di una bimba di 2, originari della provincia di Bari ma da 10 anni nel Regno Unito per lavoro. I due hanno deciso di rientrare in Puglia per un sostegno economico e per la piccola, essendo Angelo senza lavoro (è un cameriere) da fine marzo e Graziana contabile attualmente in smart working. La notizia è riportata dall'Ansa.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Avremmo voluto aspettare il 3 giugno, per non aver l’obbligo di quarantena - spiega Angelo - ma i prezzi dei voli da oggi erano alle stelle, anche 1.200 euro solo andata. Abbiamo trovato un’offerta e in qualche ora abbiamo preparato i bagagli e raggiunto l’aeroporto di Heathrow". Giunti a Bari lo scorso 1 gennaio, dopo lo scalo a Roma, hanno compilato le prime sei autocertificazioni, due per ciascuno, prima di imbarcarsi sul Londra-Roma. Tre le hanno consegnate alle autorità inglesi e altre tre le hanno tenute perché "ci hanno detto che ci sarebbero servite a Roma", ha spiegato Angelo. A bordo del volo, però, ne hanno dovute compilare altre tre. Anche queste sarebbe dovute servire in Italia e invece, atterrati a Fiumicino, dopo i controlli dei documenti ne hanno compilate altre due (i due adulti) e poi ancora due prima di imbarcarsi per Bari, alcune ore dopo, e infine due dopo l’atterraggio nel capoluogo pugliese. Le ultime hanno dovuto anche fotografarle per averne copia in caso di controlli nel tragitto dall’aeroporto a casa, a Modugno (Bari). Giunti finalmente a casa, si sono auto-segnalati sul sito del Dipartimento di prevenzione della Asl di Bari e ora aspettano che passi la quarantena per rivedere parenti, amici e andare a mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stop a palestre, cinema, teatri e piscine, ristoranti chiusi alle 18: il nuovo dpcm in arrivo già in serata?

  • Incidente mortale nella notte a Japigia: 20enne sbalzato dalla moto muore sul colpo

  • Le mani della criminalità organizzata sul settore agroalimentare in Puglia: 48 arresti

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • Covid, Emiliano chiude tutte le scuole in Puglia: da venerdì 30 ottobre stop alla didattica in presenza

  • "Servono misure severe ovunque in Italia": anche Emiliano segue la 'via De Luca' e non esclude il lockdown

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento