menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Processo Meredith Kercher, negato risarcimento a Raffaele Sollecito per i 4 anni in carcere

Il giovane, definitivamente assolto dall'accusa di aver partecipato all'omicidio della studentessa inglese, aveva chiesto oltre 500mila euro per ingiusta detenzione: la richiesta è stata rigettata dalla Corte d'Appello di Firenze

La Corte d'Appello di Firenze dice no alla richiesta di risarcimento per ingiusta detenzione avanzata da Raffaele Sollecito. L'ingegnere di Giovinazzo, definitivamente assolto dall'accusa di aver partecipato all'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, aveva chiesto la somma di oltre 500mila euro per i quattro anni trascorsi in carcere, prima di tornare in libertà. I giudici toscani avrebbero ritenuto contraddittorie le sue dichiarazioni nella fase iniziale dell'indagine.

Amaro il commento di Sollecito, affidato anche ad un post sul suo profilo Facebook: "Credevo di aver vissuto le pagine più nere della Giustizia Italiana, ma nonostante la Cassazione mi ha dichiarato innocente, devo prendere atto che la mia durissima detenzione sarebbe giustificata. Ripeto, la Cassazione aveva sottolineato l’esistenza di gravissime omissioni in questo processo e di défaillance investigative".

I legali del giovane hanno già annunciato ricorso in Cassazione contro la decisione della Corte d'appello di Firenze.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento