Cronaca

No della Corte di Cassazione a risarcimento da mezzo milione richiesto da Raffaele Sollecito

Nessun indennizzo per i 4 anni di custodia cautelare in carcere, detenuto poiché accusato, assieme ad Amanda Knox dell'omicidio della studentessa inglese. Entrambi sono stati poi assolti

Raffaele Sollecito non avrà alcun risarcimento per i quattro anni di custodia cautelare trascorsi in carcere quando era accusato, insieme ad Amanda Knox, dell'omicidio di Meredith Kercher,  studentessa inglese uccisa a Perugia nel 2007: respinto, dalla Corte di Cassazione, il reclamo del giovane che aveva chiesto 500mila euro di risarcimento per quella da lui definita una "ingiusta detenzione". Sollecito è stato definitivamente assolto dalla Cassazione, insieme ad Amanda Knox, per il delitto al quale si è sempre proclamato estraneo. Per lui il no al risarcimento è una decisione "inspiegabile". "Sto subendo ancora - ha detto - le conseguenze degli anni passati in carcere da innocente". Il suo difensore, l'avvocato Giulia Bongiorno ha annunciato ricorso alla Corte europea: "Il risarcimento che è stato negato a Raffaele - ha commentato - poteva e doveva essere il giusto ristoro per l'ingiusta detenzione subita. Ma questo non scalfisce in alcun modo la sua innocenza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No della Corte di Cassazione a risarcimento da mezzo milione richiesto da Raffaele Sollecito

BariToday è in caricamento