Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Disabile diplomata con 100 e lode, ma gli atenei dicono 'no' alla sua iscrizione

La storia di Rosanna, 19enne di Ruvo. Per cinque anni ha frequentato il liceo seguendo le lezioni via webcam da casa, e si è diplomata con il massimo dei voti. Ma ora nessuna Università è disposta ad accettare il suo 'metodo': "Troppo costoso"

Rosanna vive a Ruvo, ha 19 anni, e da quando ne aveva quattro convive con la sua disabilità. Una patologia grave, conosciuta come "sindrome di Werdnig-Hoffman", che le ha inibito la crescita (Rosanna ha il corpo di una bambina, 20 chili di peso per 90 centrimetri di altezza), costringendola sulla sedia a rotelle e privandola dell'autonomia di muoversi e respirare. Ma la 'prigionia' del corpo non le ha impedito di coltivare la sua mente, di studiare con profitto fino a diplomarsi con il massimo dei voti.  Tutto grazie ad un semplice sistema che la sua scuola, il liceo classico "Sylos" di Terlizzi, ha accettato di adottare per cinque anni: una webcam piazzata in classe per seguire le lezioni da casa, e un computer per digitare cifre e codici attraverso i quali interagire con insegnanti e compagni.

Ora però la sua carriera di studentessa rischia di bloccarsi, e non certo perchè Rosanna abbia perso la sua voglia di studiare o la sua forza di volontà. Lei vorrebbe iscriversi all'Università per studiare piscologia, ma di decine di richieste inviate in questi mesi agli Atenei di tutta Italia, nessuna è stata accettata. Perchè? Perchè, rispondono dalle università italiane, il sistema proposto da Rosanna (quello delle lezioni da seguire via webcam) risulta troppo costoso da applicare.  Un sogno quindi, quello di Rosanna, che non si è fermato davanti agli ostacoli della disabilità, e che invece si è trovato a fare i conti  con il 'muro' della burocrazia.

Nel frattempo però, dopo il rifiuto della Cattolica di Milano, qualche spiraglio sembra essersi aperto. La facoltà di Sociologia dell'Università di Urbino, ad esempio, ha proposto l'alternativa delle lezioni videoregistrate su cd. Di più hanno fatto l'università della Calabria e la stessa Università Aldo Moro di Bari, che si sono dette disposte pronte ad offrire a Rosanna un corso di laurea personalizzato in base alla sue esigenze. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disabile diplomata con 100 e lode, ma gli atenei dicono 'no' alla sua iscrizione

BariToday è in caricamento