Cronaca

Ragazzina stuprata a Bari, il racconto: "Avevo paura e stavo zitta. Temevo che mio padre li uccidesse"

La 16enne ha parlato con i magistrati che coordinano l'inchiesta: ieri l'arresto di un 69enne e di un 45enne, accusati di aver abusati della minore per oltre un anno e mezzo

"Io non dicevo niente a nessuno perché avevo paura della reazione di mio padre, che poteva andare ad ammazzare quello. Avevo paura e non ho detto niente ma stavo male, la notte piangevo sempre, io volevo che qualcuno se ne accorgesse ma quando gridavo aiuto nessuno mi sentiva". Le parole sono della ragazzina barese di 16 anni che sarebbe stata violentata per oltre un anno e mezzo da due uomini. Ieri, su richiesta della Magistratura, i Carabinieri hanno arrestato Francesco Cassano, 69 anni, e il 45enne Michele Armenise, accusati di aver ripetutamente abusato della ragazza, minacciandola di morte se avesse parlato. La ragazza, in lacrime, ha parlato con i magistrati. Riferendosi al più anziano dei due, lo avrebbe considerato "una persona - scrive il gip nell’ordinanza di arresto - di cui pensava di potersi fidare"

La Procura impugnerà il provvedimento sui domiciliari chiedendo il carcere

Le violenze sarebbero state segnalate alla mamma della vittima da una vicina di casa. La pm Simona Filoni ha avviato le indagini e in poche settimane ha chiesto e ottenuto l'arresto dei due, per ora ai domiciliari nonostante il gip nell'ordinanza evidenti la gravità dei fatti, il preicolo di reiterazione dei reati e di un inquinamento probatorio. La Procura impugnerà il provvedimento chiedendo il carcere per i due arrestati. Negli atti il giudice evidenzia anche il pericolo di coinvolgimento di altri minori. Cassano, in base a quanto riferito dalla 16enne, le avrebbe confidato "di altri minori coinvolti in analoghe vicende a sfondo sessuale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzina stuprata a Bari, il racconto: "Avevo paura e stavo zitta. Temevo che mio padre li uccidesse"

BariToday è in caricamento