rotate-mobile

Giocano a calcio nei campetti sotto la Muraglia, insulti alla Polizia locale che interviene per far rispettare i divieti anti-Coronavirus

L'episodio giovedì pomeriggio a Bari vecchia: in spregio a qualsiasi divieto di assembramento e restrizione, un gruppo di ragazzini affollava i campetti sul lungomare. In un video, la reazione contro l'intervento dei vigili, presi a parolacce e insulti

Urla e insulti contro la Polizia locale intervenuta per chiudere i campetti di calcio dove alcuni ragazzini, in barba ad ogni divieto di assembramento e misura anticontagio, stavano giocando. E' accaduto giovedì pomeriggio nei campetti sul lungomare di Bari, sotto la Muraglia. Nel video inviato da un lettore a BariToday, la reazione dei ragazzini che hanno reagito con urla e parolacce contro gli agenti. 

"Purtroppo dove non arriva il senso di responsabilità di ciascuno di noi arrivano le chiusure - ha ribadito il sindaco Decaro con un messaggio postato su Fb - In queste ore stiamo procedendo alla chiusura dei campetti sportivi cittadini per evitare assembramenti e possibili contagi. Questa mattina (giovedì mattina, ndr) numerosi ragazzini si sono incontrati ai campetti di Bari vecchia per giocare a calcio, senza alcun rispetto delle regole previste dal decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ma soprattutto senza rendersi conto del danno che il loro comportamento può causare a loro stessi e alle loro famiglie. Forse non è chiaro, lo ripeterò ancora una volta: DOVETE STARE A CASA. Non è un capriccio, è necessario per sopravvivere. Se non avete urgenze dovete restare a casa. La Polizia Locale insieme a Polizia di Stato, Finanza e Carabinieri sta lavorando da mattina a sera per eseguire i controlli in città e nelle prossime ore, attraverso le auto di servizio sarà diffuso un messaggio audio per evitare assembramenti con il testo seguente. I cittadini sono invitati a rispettare l’obbligo di restare in casa.
Si ricorda che è vietato spostarsi, anche all’interno del territorio cittadino salvo che per esigenze lavorative, per motivi di salute e per particolari necessità. In questi casi deve essere fornita agli organi di polizia opportuna autocertificazione che sarà controllata per individuare e sanzionare le dichiarazioni false. Sono aperte tutte le attività di vendita di generi alimentari e di beni prima necessità. Sono garantiti i servizi bancari e postali".

Video popolari

Giocano a calcio nei campetti sotto la Muraglia, insulti alla Polizia locale che interviene per far rispettare i divieti anti-Coronavirus

BariToday è in caricamento