Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Volto scoperto e taglierino alla mano, assalta banca a Ruvo: preso rapinatore

In manette un uomo di Cerignola: il colpo a maggio scorso insieme ad un complice ancora in corso di identificazione. I due si dileguarono con un bottino di 12mila euro

In trasferta da Cerignola a Ruvo per rapinare una banca. I carabinieri hanno arrestato uno dei due presunti responsabili del colpo avvenuto lo scorso 18 maggio nella cittadina del Barese.

In due - uno dei quali a volto scoperto - armati di taglierino, avevano fatto irruzione negli uffici della banca e, dopo aver minacciato il cassiere, fuggivano con un bottino di 12mila euro in contanti.

Le modalità del colpo - e in particolare la spregiudicatezza di uno dei due rapinatori, che aveva agito a volto scoperto - avevano subito fatto ipotizzare ai carabinieri che non si trattasse di malviventi locali, estendendo così le ricerche a tutta la regione.

Video: i rapinatori in azione ripresi dalle telecamere

Le indagini dei militari della Stazione e della Compagnia di Trani, supportate da testimonianze, esami di filmati e rilevazioni tecniche, hanno consentito di giungere all’identificazione del 37enne di Cerignola, ritenuto uno dei due resposabili del colpo, a carico del quale, la Procura della Repubblica di Trani, che ha coordinato tutte le indagini, ha richiesto al GIP del locale Tribunale, l’emissione del provvedimento restrittivo.

Al momento della notifica dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, il 37enne, che si trovava agli arresti domiciliari per altra causa, è stato condotto in carcere a Foggia. Continuano nel frattempo le indagini condotte dai Carabinieri di Ruvo di Puglia per individuare il complice che, a seguito dell’arresto del principale esecutore del delitto, potrebbe avere le ore contate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volto scoperto e taglierino alla mano, assalta banca a Ruvo: preso rapinatore

BariToday è in caricamento