rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Minacce e rapina a casa di un avvocato: chiesto processo per gli imputati

Il colpo in pieno giorno a febbraio scorso: i rapinatori, armati, fecero irruzione nell'abitazione minacciando moglie, figlia e domestica del professionista

La Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio per i tre presunti responsabili della rapina in casa di un avvocato barese avvenuta a febbraio scorso.

Gli imputati sono accusati di rapina pluriaggravata, sequestro di persona e detenzione illegale di arma da sparo.

Secondo quanto ricostruito dalla Squadra mobile, la mattina dell'8 febbraio due di loro - Domenico Ottomano, 51enne di Capurso, e Nicola Altieri, 49enne di Molfetta - si sarebbero introdotti nell'abitazione e avrebbero prima immobilizzato domestica e figlia del professionista, poi minacciato la moglie, costringendola ad aprire la cassaforte. Quindi si sarebbero dileguati con il bottino a bordo di un'auto guidata dal presunto complice, il 67enne barese Gennaro Urbano.

Nel procedimento sono coinvolti anche altri due pregiudicati baresi, il 26enne Gianluca Ghiadri e la 49enne Rosanna Barba, accusati di un’altra tentata rapina in una villa di Torre a Mare. L'udienza preliminare nei confronti dei cinque indagati inizierà a marzo 2018 dinanzi al gup del Tribunale di Bari Giulia Romanazzi. 

La famiglia vittima della rapina, difesa dall’avvocato Nicola Quaranta, si costituirà parte civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce e rapina a casa di un avvocato: chiesto processo per gli imputati

BariToday è in caricamento