Rapinano stazione di servizio sulla statale 16, inseguiti dalla polizia: due fratelli in manette

La fuga a bordo di una Mercedes Classe C, da Carrassi fino al San Paolo, dove i due giovani sono scesi tentando la fuga a piedi, e sono stati bloccati dagli agenti delle Volanti. Indagini in corso per identificare il complice fuggito in auto

Pistole in pugno, volto coperto da passamontagna. Pochi minuti per mettere a segno la rapina, nel bar della stazione di servizio 'Dill's', lungo la statale 16. Poi la fuga a bordo dell'auto condotta da un complice, una Mercedes Classe C station wagon di colore nero. Non tutto però è andato secondo i piani dei rapinatori, entrati in azione venerdì, poco dopo la mezzanotte.

L'inseguimento

I fuggitivi, infatti, sono stati intercettati dai poliziotti della Volante, intervenuti sul posto dopo una segnalazione al 113. E' così cominciato l'inseguimento, protrattosi dall'altezza di Carrassi fino alla zona industriale, quando l'auto, dopo spericolate manovre e tentativi di mandare fuori strada la Volante, si è diretta verso il quartiere San Paolo.

Video: i rapinatori in azione nel bar

L'arresto

All'altezza di via Piemonte, due persone sono scese dalla Mercedes, proseguendo la fuga a piedi in direzioni diverse, mentre il terzo complice, alla guida, ha proseguito la fuga. Uno dei due soggetti a piedi è stato però raggiunto e bloccato dagli agenti, nel frattempo supportati dall'arrivo di altre Volanti. Il fermato, un 22enne, calzava ancora un paio di guanti di colore nero e, perquisito, è stato trovato in possesso di un passamontagna. L'altro rapinatore, invece, durante la fuga, si è sbarazzato di un paio di guanti, uno scaldacollo e un cappellino, tutti di colore nero, utilizzati in precedenza per travisarsi. La sua fuga, tuttavia, ha avuto breve durata. I poliziotti, infatti, raggiunta l'abitazione del 22enne arrestato, lo hanno intercettato e riconosciuto: si trattava del fratello 15enne del giovane appena fermato. Dopo gli accertamenti di rito, il 22enne è condotto in carcere a Bari, mentre il 15enne è stato condotto presso una comunità di recupero. Entrambi sono accusati di rapina aggravata in concorso e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ricerca del complice e le indagini

Le indagini proseguono per individuare il terzo complice, riuscito a fuggire a bordo dell'auto, e anche per capire se i tre si siano resi responsabili di altri colpi nella zona: non è escluso, infatti, che la rapina alla Dill's sia stata l'unica messa a segno. La Mercedes usata per il colpo è stata poi recuperata dagli agenti delle Volanti il giorno successivo, in zona Cecilia: è risultata rubata un anno fa nel tarantino.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Puglia undici nuovi casi: cinque contagi registrati nel Barese, i pazienti positivi salgono a 170

  • Coronavirus, in Puglia obbligo di quarantena per chi rientra da Malta, Grecia e Spagna

  • Coronavirus, salgono i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 26, undici in provincia di Bari

  • Sei turisti del Lussemburgo in vacanza a Monopoli positivi al covid: il test prima di partire per la Puglia

  • Venti nuovi casi di covid in Puglia, nove nel Barese: "Cittadini rientrati da Grecia, Malta e Lombardia"

  • Lotta al coronavirus, in Puglia torna obbligo mascherine in luoghi aperti affollati e discoteche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento