rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Libertà / Via Scipione Crisanzio

Fingono di essere inseguite, entrano in negozio e lo rapinano utilizzando anche un pitbull: tre arresti a Bari

I tre, già noti alle Forze dell'Ordine, sono stati collocati agli arresti domiciliari. Le indagini hanno visto anche l'acquisizione di immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona. Al vaglio degli inquirenti anche una rapina commessa ai danni di un'automobilista in via Crisanzio

Tre persone sono state arrestate dai Carabinieri, a Bari, con l'accusa di aver rapinato un negozio di abbigliamento del quartiere Libertà, lo scorso 1° dicembre. Il colpo sarebbe stato effettuato anche portando con sé un cane pitbull per minacciare il titolare. I tre sono accusati di rapina aggravata in concorso mentre per uno di loro c'è anche l'accusa di estorsione. I provvedimenti sono stati emessi dal Gip del tribunale di Bari su richiesta della locale Procura.

Le immagini del colpo: l'irruzione con il pitbull nel negozio 

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il trio, composto da una 24enne, un 28enne e un 35enne, si sarebbe introdotto di mattina nel negozio: all'interno, due donne avrebbero finto di aver bisogno di aiuto poiché inseguite da un uomo, che sarebbe stato loro complice.Le due, quindi, avrebbero preso mille euro dalla cassa dopo aver trattenuto la vittima con la forza, colpendola con pugni al volto e utilizzando anche un pitbull per minacciare il titolare. 

Nella stessa giornata, di pomeriggio, sarebbe avvenuto un altro episodio criminoso: una delle donne arrestate si sarebbe posta davanti ad un'auto condotta da una ragazza, all'altezza di  via Crisanzio, simulando un malore da parte di una sua amica. A quel punto, i complici si sarebbero introdotti nel veicolo e, strattonando ripetutamente la vittima, si sarebbero impossessati del cellulare della ragazza e di 70 euro in contanti. Una delle indagate avrebbe anche estorto alla vittima l’ulteriore somma di 5 euro, per la restituzione del telefonino, ottenendo il denaro, ma rifiutandosi di riconsegnare il cellulare, poi recuperato dalla malcapitata al termine di un inseguimento a piedi.

I tre, già noti alle Forze dell'Ordine, sono stati collocati agli arresti domiciliari. Le indagini hanno visto anche l'acquisizione di immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fingono di essere inseguite, entrano in negozio e lo rapinano utilizzando anche un pitbull: tre arresti a Bari

BariToday è in caricamento