Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Assaltavano negozi con pistole giocattolo: banda di rapinatori incastrata dalle telecamere

Tre malviventi di Casamassima sono stati bloccati dai Carabinieri: l'ultimo colpo si è rivelato fatale. La reazione del commerciante ha infatti permesso di scoprire che l'arma era finta

Tre pregiudicati di 24, 25 e 35 anni, tutti originari di Casamassima, sono stati arrestati dai Carabinieri poiché accusati di 5 rapine andate a segno e di un colpo non andato a buon fine effettuati tra il 4 e il 18 marzo di quest'anno in negozi di numerosi centri del Barese. Gli assalti si sono svolti a Capurso, Rutigliano, Valenzano, Mola di Bari, Casamassima e Sannicandro. Presi di mira casalinghi, tabaccherie e alimentari. Le indagini avviate dai Militari e coordinate dal pm Larissa Catella della Procura di Bari, ha permesso di identificare i malviventi che agivano con un 'copione' pressoché simile per ogni rapina: il gruppo giungeva con un'auto davanti al negozio, quindi uno di loro restava in macchina.

VIDEO: Gli assalti nei negozi e le minacce ai dipendenti

Gli altri due, invece, a volto coperto, facevano irruzione nell'esercizio commerciale minacciando gli esercenti con una pistola rivelatasi finta, obbligando i dipendenti ad aprire le casse che venivano 'ripulite' dei soldi all'interno, prima di fuggire via. L'ultimo colpo, invece, in un negozio di articoli domestici a Casamassima: l'esercente, per nulla spaventato dalle minacce, ha reagito e, nel corso di una colluttazione, uno dei rapinatori ha perso la pistola che, cadendo per terra, si è rotta in più pezzi, facendo intuire che fosse un'arma giocattolo. La svolta, assieme all'analisi delle immagini di videosorveglianza dei negozi, ha permesso di risalire ai tre, finiti in manette. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assaltavano negozi con pistole giocattolo: banda di rapinatori incastrata dalle telecamere

BariToday è in caricamento