Cronaca

Controlli a tappeto nei giorni di Natale: sette arresti e 13 denunce

Il bilancio dell'operazione "Natale sicuro" compiuto dai carabinieri. A Terlizzi e Conversano sventati due tentativi di rapina. Sequestrati anche 6 chili di fuochi pirotecnici illegali

Controlli a tappeto dei carabinieri in città e in provincia durante le feste con l'operazione "Natale sicuro". Nei giorni del 24 e 25 dicembre i militari hanno eseguito in tutto sette arresti e 13 denunce; hanno sventato tre rapine ed 1 scippo e sequestrato due pistole, droga e 6,5 kg di fuochi pirotecnici illegali. Due rapine, avvenute rispettivamente a Terlizzi e Conversano, sono state sventate grazie al provvidenziale intervento di due carabinieri che hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, i due rapinatori.

A Terlizzi due individui, con il volto coperto e armati di pistola, si erano appena introdotti in un supermarket di via Federico II intimando alla cassiera quando un carabiniere, accortosi di ciò che stava accadendo, è intervenuto riuscendo a bloccare uno dei due malviventi con la collaborazione di alcuni clienti del negozio. E' così finito in carcere il 23enne V.B. F., già noto alle forze dell'ordine.

A Conversano un uomo, a volto scoperto e con la pistola in pugno, ha fatto irruzione in una tabaccheria di via De Amicis facendosi consegnare dal titolare 1300 euro in contanti. Nell’esercizio commerciale però c'era un carabiniere che è riuscito a disarmare e bloccare il rapinatore grazie anche all’immediato supporto di una pattuglia dell'Arma subito intervenuta sul posto. L'arrestato è il 42enne D. S., triggianese già noto alle forze dell'ordine, accusato di rapina aggravata e porto illegale di arma clandestina. L’arma, una semiautomatica calibro 7.65 con matricola abrasa e pronta all’uso, è stata sottoposta a sequestro mentre il denaro è stato restituito al titolare del negozio. Il malvivente è ora ai domiciliari.

A Triggiano invece i carabinieri hanno arrestato un 42enne capursese ritenuto responsabile di detenzione e porto illegale di arma comune da sparo, ricettazione ed esplosione di colpi di arma da fuoco. Il giovane è stato sorpreso nella notte in via Cardinale Mattei mentre esplodeva due colpi di pistola in aria. Alla vista dei Carabinieri, ha cercato di disfarsi della pistola lanciandola in un giardino, ma è stato subito bloccato. L’arma, una semiautomatica Beretta calibro 9 risultata rubata lo scorso mese di novembre a Triggiano, sarà sottoposta a rilievi da parte della scientifica per accertarne l’eventuale utilizzo in episodi criminali. Il 42enne è stato rinchiuso nel carcere di Bari.

Un arresto è stato eseguito anche a Bari, dove i carabinieri hanno fermato il 26enne M.C. con l’accusa di furto aggravato. Il giovane è stato sorpreso e bloccato nel quartiere Carrassi mentre era intento ad asportare la ruota posteriore sinistra di una  Citroen C3 parcheggiata in strada. Il 23enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

A Monopoli i carabinieri hanno arrestato il 37enne V.C. con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo, nel corso di una perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di 16 grammi di cocaina nascosti negli slip, di un bilancino di precisione e di materiale per il taglio e confezionamento dello stupefacente, il tutto sottoposto a sequestro. Per il 37enne sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Altre 11 persone infine sono state deferite in stato di libertà di cui 3 per commercio abusivo di materie esplodenti con il contestuale sequestro di 6,5 kg di materiale pirotecnico, 3 per furto aggravato di liquori e prodotti per l’igiene personale in due supermercati, 1 per guida senza patente, 1 per detenzione e spaccio di droga, 2 per inosservanza di provvedimenti emessi dall’Autorità e 1 per simulazione di reato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli a tappeto nei giorni di Natale: sette arresti e 13 denunce

BariToday è in caricamento