Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Cemento 'abusivo' e pesca di frodo, la Puglia tra le maglie nere del 'Mare illegale': i dati del report

Secondo il rapporto 'Mare Monstrum', elaborata sui dati delle Capitanerie di porto, tra le regioni dove si concentra il maggior numero di reati, al primo posto troviamo la Campania (con 4.206 illeciti, il 18,9% di quelli registrati a livello nazionale), seguita da Sicilia, Puglia, Lazio e Calabria

Cemento abusivo, pesca di frodo sulle coste pugliesi continuano a dilagare. La pandemia non sembra quindi fermare alle coste italiane, sebbene lo scorso anno, quello cruciale della pandemia, sia stata registrata una leggera flessione (-5,8% rispetto al 2019) nel numero complessivo di illeciti ai danni del patrimonio marino e costiero (22.248 quelli accertati, una media di 61 al giorno, 2,5 ogni ora)

Come emerge dal dossier 'Mare Monstrum' di Legambiente, su dati di forze dell'ordine e Capitanerie di porto, la maggiore concentrazione di illeciti si registra in cinque regioni italiane: in Campania, Sicilia, Puglia, Lazio e Calabria. In cima classifica del mare illegale 2020, troviamo infatti il ciclo del cemento, rimasto su valori assoluti altissimi (il 42,9% dei reati accertati). Migliori notizie sul fronte degli illeciti legati al ciclo dei rifiuti e all'inquinamento marino, diminuiti dell'11,6% per l'impatto del lungo periodo di lockdown sulle attività economiche, anche se i quasi 7mila reati accertati nel settore, più di 19 al giorno, pesano sul totale nazionale per il 31%. Balzo in avanti per la pesca di frodo (il 23,3% dei reati accertati) che ha cercato di approfittare della pandemia, come dimostra il numero impressionante di sequestri effettuati: 3.414 contro i 547 del 2019, dagli attrezzi usati illegalmente in mare alle tonnellate di prodotti ittici requisiti. Cresce, in generale, il numero di persone arrestate e denunciate per aggressioni alle coste e ai mari italiani, 24.797 (+24% rispetto al 2019), e quello dei sequestri che hanno toccato quota 8.044 (+9,9%) per un valore di 826 milioni di euro.

Tra le regioni dove si concentra il maggior numero di reati, al primo posto troviamo la Campania (con 4.206 illeciti, il 18,9% di quelli registrati a livello nazionale), seguita da Sicilia, Puglia, Lazio e Calabria. Alla Campania, raggiunta questa volta dal Molise, spetta anche il poco ragguardevole primato nell'incidenza di illeciti per chilometri di costa: 9 i reati accertati per ogni km in entrambe le regioni (tre volte la media nazionale), seguite da Basilicata e Abruzzo. Il segno meno davanti alla percentuale dei reati accertati nel 2020 non incide, tuttavia, in modo significativo sul trend negativo delle illegalità perpetrate ai danni di mare e coste: dal 1999 al 2020, infatti, si sono registrati 378.068 illeciti, di cui 206.532 nelle sole quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa, Campania, Puglia, Sicilia e Calabria, dove si è concentrato il 54,6% del totale nazionale. Un'incidenza che lo scorso anno è cresciuta, arrivando al 55,3% dei reati. Un capitolo spinoso, anche per il 2020, è rappresentato dalle storie d'ordinario abusivismo edilizio, come evidenzia un altro dato inedito elaborato da Legambiente: quello sulle ordinanze di demolizione degli immobili abusivi eseguite che raggiungono appena il 24,3% nei Comuni costieri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cemento 'abusivo' e pesca di frodo, la Puglia tra le maglie nere del 'Mare illegale': i dati del report

BariToday è in caricamento