menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Troppe regole per le spiagge al tempo del Covid? Decaro ammette: "Sono ostiche, ma non rinunceremo al nostro mare"

Il primo cittadino ha fatto il punto durante una diretta social in cui annunciava gli interventi sui lidi in città. "Anche schierando l’esercito è impossibile poter contingentare l’ingresso" ricorda

Quale estate aspetta i bagnanti baresi? Difficile dirlo, tra varie notizie di direttive da parte del Governo che comunque dovranno adattarsi ai risultati dei bollettini nazionali sui contagi da Covid. Una certezza però ce l'ha il sindaco di Bari, Antonio Decaro: "Quello che sicuramente non succederà è che a Bari le spiagge pubbliche siano inaccessibili". Lo ha spiegato durante una diretta social in cui annunciava anche l'avvio dei lavori di manutenzione sulle spiagge baresi. "E per questo proveremo a contingentare spazi e tempi - ha assicurato - Le regole inserite ad oggi nel protocollo sono ostiche ma noi non vogliamo rinunciare al nostro mare".

Le regole

Ma quali sono le regole diffuse dall'Inail e dall'Istituto superiore di Sanità? A spiegare le indicazioni arrivate è lo stesso primo cittadino: "Distanza di cinque metri tra ogni fila di ombrelloni, quattro metri tra un ombrellone e l’altro - ricorda - nuclei familiari diversi devono avere sedie e sdraio ad almeno due metri, va contingentato il numero delle persone. Per le spiagge private sarà molto semplice perché hanno ingressi separati e gestori". Ma promette ai baresi che i 42 chilometri di costa barese ("46 se contiamo i moli dove si può fare il bagno" precisa) saranno accessibili.

L'importante sarà riuscirci in sicurezza, senza quindi che si creino assembramenti, anche se non sarà un obiettivo facile da raggiungere. "Anche schierando l’esercito è impossibile poter contingentare l’ingresso. Ci inventeremo qualcosa - assicura - Sicuramente in questa città non ci saranno i lidi privati aperti e le spiagge pubbliche chiuse, daremo la possibilità a tutti i poter andare a mare. Ci andremo, senza assembramenti, mantenendo le distanze e utilizzando anche con il caldo e sotto il sole la mascherina".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nuova arma contro il Coronavirus, farmaco già in uso efficace contro l'infezione Sars-CoV-2: è la ricerca dell'Università degli Studi di Bari

Salute

Una proteina prodotta dal nostro organismo è in grado di combattere i tumori al fegato: la scoperta dell’Irccs de Bellis di Castellana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento