Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Xylella fastidiosa, dalla Regione 40 milioni per il reimpianto degli ulivi

La Giunta Emiliano ha attivato l’intervento finalizzato al reimpianto di olivi in zona infetta. Negli scorsi mesi il batterio aveva colpito anche il Barese

Foto Ansa

Via libera dalla Regione Puglia all’investimento di 40 milioni di euro per sostenere il reimpianto delle varietà di ulivo resistenti o tolleranti alla Xylella fastidiosa. La Giunta Emiliano ha attivato l’intervento finalizzato al reimpianto di olivi in zona infetta, come previsto dal Piano straordinario per la rigenerazione olivicola della Puglia per gli anni 2020 e 2021. Sono stati approvati i criteri di concessione dei contributi previsti dal decreto interministeriale.

E’ "un altro importante aiuto per risarcire e far rinascere un territorio fortemente danneggiato dalla batteriosi – sottolinea in una nota il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – si tratta di una misura che, come Regione, abbiamo già attivato attraverso il Psr Puglia, ovvero con la Sottomisura 5.2 che ci ha consentito di rigenerare già oltre 7mila ettari del territorio della provincia di Lecce, circa il 10% delle superfici estirpate. Con questo atteso provvedimento, dunque, aggiungiamo ulteriori risorse che possano non solo riattivare e mantenere il tessuto produttivo olivicolo salentino ma anche ripristinare il paesaggio e la bellezza di una terra straordinaria e oramai conosciuta in tutto il mondo". La Xylella aveva colpito anche gli ulivi nel Barese, estendendo fino a Monopoli la sua zona di infezione.

“Il bando, che verrà pubblicato nei prossimi giorni, seguirà una procedura snella e di facile accesso per i beneficiari, agricoltori e proprietari di terreni olivetati attraverso regole fortemente semplificate. Si darà priorità ai terreni posizionati nelle zone da più tempo colpite dalla fitopatia”.

Foto Ansa 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Xylella fastidiosa, dalla Regione 40 milioni per il reimpianto degli ulivi

BariToday è in caricamento