Cronaca

La didattica a distanza non convince gli studenti pugliesi: per il 73,5% non può sostituire le lezioni in presenza

Sono i dati contenuti nel report 'La scuola ai tempi del Covid 19', realizzato da Flc Cgil e dall'Unione degli Studenti di Puglia su un campione di 2500 studenti intervistati

La didattica a distanza non sembra convincere appieno gli studenti pugliesi. È quanto emerge dal report realizzato da Flc Cgil e dall'Unione degli Studenti di Puglia: su 2500 ragazzi intervistati, il 59 per cento ritiene la dad meno efficace di quella in presenza, mentre per il 73,5 per cento la teledidattica non può sostituire la didattica.

Il report 'La scuola ai tempi del Covid 19', presentato a Bari, mostra che quasi il 60 per cento degli studenti pugliesi intervistati ha utilizzato lo smartphone per seguire le lezioni durante i mesi di lockdown, mentre 1 studente su 3 condivide il dispositivo utilizzato con gli altri membri della famiglia. La metà del campione condivide l'ambiente di casa dove fa attività, sempre o a volte, con altri membri della famiglia e il 61 per cento degli studenti ha lamentato difficoltà a causa della connessione. Il 56 per cento dei ragazzi e delle ragazze che hanno compilato il questionario lamenta come eccessivo il numero di ore trascorse davanti lo schermo e quasi la metà  senza la concessione di una pausa tra una lezione e l'altra.

Il sondaggio non ha alcuna "pretesa di scientificità - spiega Claudio Menga, segretario generale della Federazione lavoratori della conoscenza di Puglia - Mancano 70 giorni all'inizio del nuovo anno scolastico e ad oggi, a parte pronunciamenti, nessun impegno che puo' farci dire come avverrà la ripresa". "Dobbiamo imparare dalle contraddizioni che questa pandemia ha fatto emergere, dalle disuguaglianze che ha fatto emergere e che in verita' denunciavamo da tempo - evidenzia Pino Gesmundo, segretario regionale della Cgil - Così come si e' affermato il valore della parola pubblico, per la sanita' cosi' come per l'istruzione. Temi che reclamano scelte politiche precise e che non possono tardare"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La didattica a distanza non convince gli studenti pugliesi: per il 73,5% non può sostituire le lezioni in presenza

BariToday è in caricamento