rotate-mobile
Cronaca

In Puglia 231 punti di accesso (anche itineranti) a internet: la rete regionale per combattere il digital divide tra le fasce a rischio

La Giunta della Regione ha approvato oggi la misura 'rete di servizi di facilitazione digitale', per i quali è destinatario di risorse per un totale di 10.178.502 euro

Una rete di 231 punti di accesso fisici, sia fissi che itineranti, da attivare su tutto il territorio regionale con l'obiettivo di raggiungere 183.000 pugliesi compresi nella fascia di età 18/75 per rafforzare le competenze digitali e supportare le fasce della popolazione a maggior rischio di subire le conseguenze del digital divide. È la 'rete di servizi di facilitazione digitale', il Piano operativo approvato oggi dalla Giunta regionale per accrescere le competenze digitali di base dei cittadini per favorire l’uso autonomo, consapevole e responsabile delle nuove tecnologie, il pieno godimento dei diritti di cittadinanza digitale da parte di tutti e per incentivare l’uso dei servizi online pubblici e privati, semplificando così il rapporto con la Pubblica Amministrazione.

Nell'ambito di tale misura, la Regione Puglia è destinataria di risorse per un totale di 10.178.502 euro a valere sull’Investimento 7 della Missione 1 del PNRR. I punti di facilitazione digitali saranno ubicati preferibilmente presso spazi o centri pubblici attivati tramite diversi progetti realizzati sul territorio pugliese (ad esempio Luoghi Comuni, Community Library ecc.), presso i Centri per l'Impiego, gli URP delle aziende sanitarie, nonché presso luoghi o spazi pubblici che erogano servizi alla cittadinanza o centri di aggregazione socio-culturale. Attraverso appositi avvisi a sportello saranno i Comuni a candidare gli spazi per l’attivazione dei punti di facilitazione digitale. I punti dovranno essere adeguatamente attrezzati tecnologicamente e dotati di arredi per permettere lo svolgimento delle attività di facilitazione e formazione verso i cittadini.

“Nel corso degli ultimi anni – ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci – la Regione Puglia ha avviato un profondo percorso di trasformazione digitale, allo scopo di migliorare l’accessibilità e la fruibilità dei servizi pubblici digitali ai cittadini e alle imprese. Con questo progetto, intendiamo favorire l’inclusione digitale di quanti in Puglia non hanno le competenze per accedere ai servizi pubblici online ma più in generale per formare e sostenere le fasce di popolazione a rischio di esclusione digitale.

Attraverso un disegno organico e una diffusione capillare vogliamo che le comunità locali, i quartieri, gli spazi pubblici accolgano servizi di assistenza e formazione per chi ha bisogno di supporto per godere dei propri diritti, per informarsi, per partecipare, per accedere a servizi online pubblici e privati. Aumentare le competenze digitali di chi per età, per condizioni di vita o di lavoro, per condizioni socio economiche svantaggiate non può esercitare forme di cittadinanza digitale e dunque per esempio non può attivare uno Spid o pagare online un servizio comunale o informarsi è un’azione che ci permette di rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che di fatto limitano la conoscenza e determinano una discriminazione sul piano sociale, economico e culturale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Puglia 231 punti di accesso (anche itineranti) a internet: la rete regionale per combattere il digital divide tra le fasce a rischio

BariToday è in caricamento