Cronaca

Mola, il primo soccorso resta chiuso di notte: "I cittadini aspettano risposte"

La battaglia per la riapertura notturna del presidio sanitario va avanti da mesi, ma finora dalla Regione non è arrivata nessuna risposta. Il consigliere Massimo Cassano: "Scelte scellerate"

A Mola di Bari il presidio di primo soccorso di notte resta chiuso. A nulla sono valse, finora, le proteste dei cittadini, preoccupati per la chiusura notturna del presidio sanitario, in un'area peraltro a forte vocazione turistica. Dalla Regione e dall'assessorato alla Sanità non sono arrivate risposte, ma i cittadini non demordono.

A farsi portavoce della protesta è oggi il consigliere regionale Massimo Cassano. "Ci sono battaglie che non possono avere colori politici - scrive Cassano in una nota - ma devono essere dettate solo dal buonsenso: una di queste è senza dubbio quella che cittadini di ogni appartenenza stanno portando avanti contro il muro di gomma della Regione e per la riapertura notturna del presidio di punto di primo soccorso a Mola di Bari".

"Una battaglia che prosegue da mesi - continua Cassano - e che non ha più ricevuto risposte, note, attenzioni da parte dell'assessorato alle politiche della salute e dei vertici della Asl Bari, nonostante le gravi conseguenze per una cittadina che soprattutto nei mesi estivi triplica la popolazione residente". "Riteniamo completamente irresponsabile - conclude - il comportamento dei manager e dei politici che gestiscono la sanità pugliese lasciando ampie aree della provincia di Bari, anche ad elevatissima vocazione turistica, prive di qualsivoglia presidio di soccorso e affidando la sorte e la vita delle persone esclusivamente alle poche postazione del ‘118’, con personale straordinario, ma già oberato di lavoro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mola, il primo soccorso resta chiuso di notte: "I cittadini aspettano risposte"

BariToday è in caricamento