Incontro Regione-Trenitalia, più treni sull'Adriatica ma saltano i notturni

Potenziati i collegamenti Frecciabianca da Bari e Lecce per Milano. Ma resta la cancellazione degli Intercity notte, che penalizza soprattutto Taranto. L'assessore Minervini: "Non ancora soddisfatti"

Soddisfa solo in parte le richieste della Regione Puglia la riorganizzazione dell'offerta Trenitalia dopo le forti polemiche per la riduzione dei collegamenti ferroviari da e verso la Puglia. In mattinata l'assessore regionale ai Trasporti Guglielmo Minervini ha incontrato a Roma i vertici dell'azienda per cercare un punto di accordo sulla nuova offerta Trenitalia.

“Non siamo ancora soddisfatti - ha dichiarato l'assessore al termine dell'incontro - il quadro orario di collegamenti ferroviari a lunga percorrenza per la Puglia è migliorato rispetto alle prime ipotesi circolate nei giorni scorsi, ma ci sono ancora delle zone d’ombra che, solo il confronto con il ministero, potrà dirimere”.

LA LINEA ADRIATICA - Per il momento, le notizie positive riguardano soltanto la linea adriatica. Due Frecciabianca in più da Lecce e uno in più da Bari collegheranno giornalmente la Puglia con Milano in 7h38’ rispetto alle attuali 8 ore. Taranto invece perde il suo Frecciabianca per Milano, mentre fa salva la coppia di treni Intercity per la città meneghina.

I COLLEGAMENTI CON ROMA - Immutato invece l’attuale quadro orario diurno verso la capitale: 2 coppie di treni Intercity sulla tratta Taranto/Roma via Metaponto, 3 coppie di treni Frecciargento da Lecce e 3 da Bari, cui si aggiunge una coppia di Intercity.

I TRENI NOTTURNI - Le cattive notizie arrivano dal servizio notturno. Una coppia di treni Intercity Notte per Roma, oggi ordinaria, diventa periodica, quindi si potrà scendere dalla capitale il venerdì e risalire la domenica. E sarà cancellata la coppia di EXP 951 e 956 Lecce- Roma via Taranto e la coppia ICN 782 e 785 Milano – Bari – Reggio Calabria. tagli che, complessivamente, penalizzano maggiormente la città di Taranto, ragion per cui la Regione ha chiesto a Trenitalia almeno il ripristino dei treni da Taranto inseriti nel contratto universale.

LA VERTENZA SERVIRAIL - La soppressione dei treni notturni è strettamente collegata alla vertenza Servirail (ex Wagon Lits), la società che gestisce il servizio di sorveglianza e accompagnamento sui treni notturni per conto di Trenitalia. A causa della riduzione dei treni notti, la società rischia di chiudere entro dicembre, lasciando senza lavoro solo a Bari 45 dipendenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Abbiamo chiesto – ha assicurato Minervini– un incontro urgente al ministro Passera per discutere della mancata erogazione di parte delle risorse del 2011, della situazione dei tagli previsti il prossimo anno e della vertenza dei lavoratori della Servirail”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Puglia obbligo di quarantena per chi rientra da Malta, Grecia e Spagna

  • Tragico scontro auto-moto tra Locorotondo e Martina, muore giovane coppia: lasciano un bimbo di dieci mesi

  • Coronavirus, salgono i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 26, undici in provincia di Bari

  • Sei turisti del Lussemburgo in vacanza a Monopoli positivi al covid: il test prima di partire per la Puglia

  • Venti nuovi casi di covid in Puglia, nove nel Barese: "Cittadini rientrati da Grecia, Malta e Lombardia"

  • Lotta al coronavirus, in Puglia torna obbligo mascherine in luoghi aperti affollati e discoteche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento