Cronaca Stanic / Viale Guglielmo Lindemann

Rifiuti in strada, multato un altro locale in centro. Discarica abusiva alla zona industriale: sanzione da 3100 euro

Nuovo 'blitz' dell'assessore Petruzzelli in corso Vittorio Emanuele: sanzionata un'attività in via Vallisa. Un'altra persona multata per l'abbandono abusivo di rifiuti alla zona industriale. E intanto aumentano i casi di 'incivili' segnalati dagli stessi baresi

Una multa da 225 euro per errato conferimento dei rifiuti ad un locale in Vallisa, una sanzione da 3100 per uno 'scaricatore' abusivo scoperto ad abbandonare illegalmente rifiuti speciali alla zona industriale. Proseguono ad 'ampio raggio' i controlli della Polizia municipale per stanare e punire gli sporcaccioni.

In corso Vittorio Emanuele, l'assessore Petruzzelli  ha partecipato ad una nuova ispezione sul alcuni sacchetti di rifiuti abbandonati accanto ai cassonetti. Così, attraverso gli scontrini, si è risaliti all'attività responsabile, ubicata in via Vallisa. "Andremo avanti fino a quando non rispetteranno le regole – dichiara l'assessore – saremo in corso Vittorio Emanuele ogni giorno. Abbiamo le idee chiare e i cittadini hanno diritto a passeggiare su quella strada senza dover fare lo slalom tra i rifiuti di chi pensa di dover guadagnare dalla propria attività, scaricando il costo dei suoi rifiuti sulla collettività".

Ma i controlli riguardano anche l'abbandono dei rifiuti ingombranti. Questa mattina, la Municipale ha individuato in via Fanelli un Apecar che trasportava materiale poi smaltito abusivamente in un'area della zona industriale, trasformata in una vera discarica di rifiuti speciali. Il conducente del veicolo è stato denunciato per aver esercitato attività di raccolta, trasporto, smaltimento di rifiuti senza autorizzazioni e aver realizzato una discarica abusiva. La Polizia Municipale ha inoltre sequestrato il veicolo e l’area di circa 500 mq ove era stata realizzata la discarica a cielo aperto. La montagna di rifiuti depositati risulta composta, secondo le prime analisi effettuate, da legname, lastre, fibrocemento, materiale  RAEE, carcasse di ciclomotori, mobilio vario, pedane rotte, elettrodomestici in disuso, p.c. e cellulari rotti. La sanzione elevata allo scaricatore abusivo è pari a 3.100 euro.

Intanto, crescono i casi di 'sporcaccioni' segnalati dagli stessi cittadini. "Continueremo a presidiare tutta la città per punire chi sporca gli spazi pubblici speculando sulle spalle dei cittadini per bene che rispettano le regole – afferma il sindaco Decaro -. Da qualche giorno la città ha un punto di forza in più: i cittadini hanno deciso di denunciare. Stanno infatti arrivando, attraverso i canali social e altri strumenti di comunicazione, numerose segnalazioni corredate da video e fotografie. Tutti documenti che noi trasmettiamo all’Amiu e alla Polizia Municipale per avviare le dovute indagini e sanzionare i colpevoli. Anche se alcune immagini sono poco nitide non importa, i vigili urbani e gli ispettori ambientali effettueranno ugualmente i controlli nelle zone segnalate. Da sindaco so di non essere solo in questa battaglia di civiltà, i cittadini per bene sono la maggioranza e hanno deciso di non subire in silenzio i soprusi da parte di chi pensa di trasformare la città in una discarica a cielo aperto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti in strada, multato un altro locale in centro. Discarica abusiva alla zona industriale: sanzione da 3100 euro

BariToday è in caricamento