rotate-mobile
Cronaca San Girolamo - Fesca / largo Mohamed Taher Pacha

Campo rifugiati in Largo Pacha, il centrodestra attacca: "Discarica a cielo aperto"

Nuovo sopralluogo dei consiglieri d'opposizione: "Il Comune vuole approvare una variante per il campo? Hanno visto le condizioni dell'area?". Raccolta firme dei residenti: "No ai ghetti, basta degrado e inquinamento"

"L'area interna è abitata da alcuni nuclei familiari di origine rom e abbiamo nuovamente riscontrato la presenza di materiale che sembra essere amianto. Tra l'altro, se si tratta di una zona a proprietà privata il Comune deve intervenire. Quest'azione ci disgusta dal punto di vista politico". Ennesimo sopralluogo, dei consiglieri comunali del centrodestra in Largo Pacha, a due passi dallo Stadio della Vittoria, dove dovrebbe sorgere il campo rifugiati per ospitare i 90 migranti attualmente all''ex Set di via Brigata Regina.

La visita di Melchiorre, Melini e Romito ha permesso di verificare le condizioni dell'area e dei terreni adiacenti di cui non sarebbe nemmeno chiaro se siano di pertinenza comunale o meno. Il campo, con circa 40 moduli abitativi (realizzati con fondi del Ministero dell'Interno) dovrebbe sorgere vicino ai ruderi delle vecchie acciaierie Scianatico, in un'area non bonificata e dove sono presenti alcuni insediamenti rom: "Come si può affermare - afferma Melini - in commissioni congiunte che questo sia l'unico luogo deputato ad ospitare 90 migranti? Ci viene chiesta una variante urbanistica per cambiare la destinazione della zona, senza rendersi conto che c'è un insediamento e anche una vera e propria discarica. Chiediamo nuovamente - spiegano - le dimissioni degli assessori Petruzzelli, Bottalico e Galasso. Ci chiediamo se abbiano verificato personalmente la situazione".

Il centrodestra accusa la Giunta di "agire con approssimazione" scegliendo una destinazione contestata anche dal Municipio 3 che ha espresso un parere contrario, seppur non vincolante per l'amministrazione cittadina. la variante, in ogni caso, dovrà avere la prova dell'aula di Palazzo di Città e i numeri per la maggioranza non sembrano essere scontati. I consiglieri, nel corso della visita, hanno contattato l'Amiu per mostrare il degrado della zona, parlando anche con i rom presenti: "I minori - affermano gli esponenti dell'Opposizione - sembra non vengano neppure scolarizzati e ciò non è accettabile". Perplessità sulla creazione del campo arrivano anche dai residenti del quartiere e del Villaggio Trieste che denunciano incuria e problemi quotidiani: "Non siamo contro gli stranieri - spiegano gli abitanti - ma la presenza di un nuovo campo, non lontano da quello gestito dalla Croce Rossa, creerebbe un ulteriore ghetto, in una zona fortemente inquinata da smog e altro. Basterebbe vedere la quantità di camion che passa ogni giorno e sentire l'aria che respiriamo. Crediamo non sia neppure giusto che i rifugiati vengano trattati in questo modo. Chiediamo una riqualificazione vera con spazi sociali e vivibili" affermano i residenti, annunciando la costituzione di un comitato e una raccolta firme per segnalare disagi mai eliminati da anni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campo rifugiati in Largo Pacha, il centrodestra attacca: "Discarica a cielo aperto"

BariToday è in caricamento