menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rossani, lunedì nuovo incontro. Il Comune: "A breve apriranno i primi due cantieri"

Ultimi dettagli burocratici prima dell'avvio dei lavori per la realizzazione dell'area verde adiacente a via Gargasole e dell'Urban center negli ex spogliatoi. Tedesco: "Nelle prossime settimane presenteremo anche il progetto definitivo di Fuksas per il parco"

Passata l'estate, sarà un autunno (si spera) proficuo per i tanti cantieri per riqualificare l'area della Rossani. Lunedì pomeriggio, l'assessore cittadino all'Urbanistica, Carla Tedesco, sarà al Fortino Sant'Antonio per un incontro pubblico a cui parteciperanno anche i rappresentanti del Comitato Urbano per la rigenerazione dell'ex Caserma, in cui verranno illustrate le ultime novità nell'iter in corso: "Nelle prossime settimane - spiega Tedesco - procederemo all'apertura dei primi due cantieri per altrettanti interventi, ovvero per il recupero del versante di via Gargasole con materiale ecocompatibile ed ecologico, ma anche della realizzazione, presso la ex palazzina spogliatoi, dell'Urban center, per la quale, nelle settimane scorse, è stato ultimato il progetto esecutivo".

I lavori, rispettivamente, ammonteranno a 30mila e 600mila euro: per avviarli mancano solo ultimi dettagli burocratici. L'incontro di lunedì servirà per fare il punto della situazione in vista dei prossimi mesi. Le novità più succose sono attese, infatti, proprio per ottobre: "Prossimamente - spiega Tedesco - presenteremo anche  il progetto di Fuksas per il parco, passato alla fase definitiva dopo il recepimento delle indicazioni emerse attraverso il confronto con le associazioni, nell'ambito del percorso partecipato messo in campo da questa amministrazione. Vi sarà una grande area verde e l'importo, come abbiamo chiesto, resterà invariato, ovvero di 1,7 milioni di euro".

Dal momento della validazione del progetto, poi, passeranno massimo 45 giorni per presentare quello esecutivo: "Abbiamo fatto diversi passi avanti su tutti i fronti - dice Tedesco - anche su quello della Mediateca regionale, per la quale c'è un progetto da circa 10 milioni di euro, approdato alla fase preliminare". Un pezzo alla volta, un tassello dopo l'altro per un percorso che prosegue senza trovare intoppi: "Sembra che l'amministrazione - afferma l'architetto Artuto Cucciolla, tra i più attivi nel gruppo di associazioni in campo nel processo partecipativo - stia recependo le nostre proposte. Da parte nostra chiediamo cubature zero e che non vi siano intenti speculativi, oltre all'abbattimento della piastra in cemento per realizzare un parco pubblico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento