Cronaca

Giardini Isabella d'Aragona, pronto il progetto per la riqualificazione

Gli atti consegnati dal Comune alla Regione, per usufruire del finanziamento destinato alla valorizzazione dei beni culturali di interesse artistico e storico. L'intervento rappresenta il primo passo verso la costituzione del Parco del Castello

Il Comune consegna alla Regione il progetto definitivo di riqualificazione della piazza-giardino Isabella di Aragona. Si compie così un nuovo step previsto dall'avviso pubblico regionale che finanzia gli interventi di recupero, restauro e valorizzazione dei beni culturali immobili e mobili di interesse artistico e storico. L’intervento, condiviso con il comitato Parco del Castello, rappresenta il primo passo verso la realizzazione Parco del Castello e si pone in continuità con la recente riqualificazione di piazza Massari.

GLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE - Il progetto, del costo complessivo di un milione 275 mila euro, prevede, lungo il fronte longitudinale della piazza, la realizzazione di un percorso ciclopedonale. Sarà poi demolita la pavimentazione in asfalto dei viali e dei marciapiedi esterni, ad eccezione della porzione in basole adiacente a via San Francesco D’Assisi, per la quale sono previsti lo smontaggio, la pulitura e il successivo riposizionamento. La pavimentazione dei marciapiedi esterni e del percorso ciclopedonale sarà realizzata in basolato di pietra calcarea di Trani, con posa simile a quella della vicina piazza Massari. La nuova superficie della zona centrale del giardino, di forma circolare, sarà invece “in getto”, con pavimentazione naturale costituita da materiali inerti provenienti da cave locali, idonea alla realizzazione di percorsi pedonali nei parchi e nei giardini storici. Quanto alla cura del verde, saranno abbattuti alcuni esemplari di pino d’Aleppo che all’epoca della piantumazione sono stati posizionati a distanza eccessivamente ravvicinata e oggi soffrono la scarsità di luce e di spazio, mentre saranno sostituite le siepi di ligustro ormai vetuste che contornano le aiuole con nuove piante della stessa specie, e incrementate le alberature interne alle aiuole. Prevista anche la pulizia e il restauro della fontana in pietra esistente. Per l’arredo urbano sono stati scelti cestini portarifiuti e panchine in conglomerato cementizio e pietra, simili a quelle già installate in piazza Massari e rispondenti alle indicazioni della Soprintendenza. Infine, sarà realizzato un nuovo impianto di illuminazione, con la sostituzione dei vecchi pali e lanterne esistenti e la posa in opera di nuovi pali e lanterne del tutto simili a quelli di piazza Massari.

“La sistemazione di piazza Isabella di Aragona, che confidiamo sarà finanziata con fondi regionali, - dichiara l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso - rappresenta non solo un importante intervento di riqualificazione urbana ma anche la prosecuzione di quanto già eseguito su piazza Massari ed evidenzia l’attenzione della amministrazione comunale nel programmare ed eseguire interventi di manutenzione, anche correlati fra di loro. La scelta di materiali, arredi e corpi illuminanti farà si che questa nuova piazza possa essere percepita come un’estensione della precedente, creando un nuovo percorso pedonale di collegamento tra corso Vittorio Emanuele e il lungomare Vittorio Veneto, attraverso giardini e spazi verdi”.

“In attuazione del protocollo d’intesa firmato lo scorso luglio - commenta l’assessora all’Urbanistica Carla Tedesco - funzionari e dirigenti delle ripartizioni Urbanistica e Lavori pubblici e rappresentanti del Comitato Parco del Castello sono già al lavoro per mettere a punto, sulla base di attente analisi storiche, architettoniche e ambientali, spunti progettuali da recepire nel passaggio alla progettazione esecutiva, volti a rendere possibile in futuro la connessione dell’area dei giardini Isabella d’Aragona con la più ampia area del Parco del Castello. Cittadini e amministrazione sperimentano così una forma innovativa di collaborazione, che va oltre il dibattito pubblico, una collaborazione nell’azione che non potrà che migliorare la qualità degli spazi urbani”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giardini Isabella d'Aragona, pronto il progetto per la riqualificazione

BariToday è in caricamento