Cronaca

Ex Rossani, via libera alla riqualificazione con fondi pubblici

La giunta comunale revoca il project financing che avrebbe comportato l'ingresso di privati nei lavori di recupero dell'area. L'assessore regionale Barbanente: "Soddisfatti della decisione, ora si faccia l'accordo con la Regione"

La riqualificazione dell'area dell'ex caserma Rossani si farà utilizzando esclusivamente soldi pubblici. La conferma ufficiale è arrivata ieri, quando la giunta comunale ha revocato la delibera approvata nei mesi scorsi e relativa al piano di fattibilità economico-finanziaria per un project financing da realizzare nell'area.

Una delibera contestata, che aveva suscitato non poche polemiche all'interno dello stesso consiglio comunale e da parte dei comitati cittadini. Il progetto, infatti, avrebbe comportato l'ingresso dei privati nei lavori di riqualificazione con il rischio - da più parti temuto - che si finisse per cementificare ulteriormente la zona. Ieri invece la giunta comunale ha deciso di revocare la delibera, mettendo quindi in chiaro l'intenzione di procedere al recupero dell'area esclusivamente con fondi pubblici.

Soddisfazione per la decisione del Comune è stata espressa dall’assessore regionale alla Qualità del Territorio, Angela Barbanente. “Prendiamo atto - si legge in una nota dell'assessore - con soddisfazione della volontà dell'amministrazione comunale di non far perdere alla città di Bari l'occasione di realizzare nella vasta area della Rossani un grande parco urbano integrato a un polo dedicato alla cultura e all'arte, come previsto nello schema di protocollo di intesa approvato dalla Giunta Regionale il 6 marzo scorso. Auspichiamo pertanto che il Comune non voglia indugiare oltre sulla sottoscrizione dell'atto di intesa e che, quindi, si possa dare avvio al processo di rigenerazione di un luogo strategico non solo per la città di Bari ma per l'intera regione”.
 

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Rossani, via libera alla riqualificazione con fondi pubblici

BariToday è in caricamento